Sabato ho avuto la geniale idea di andare in discoteca con G. ed i suoi amici.

Non ci ero mai andata in discoteca,ma non perchè mi vergognassi o nessuno mi avesse mai invitata,non ci ero mai andata per il mio sano principio di seguire il mio istinto. Il mio istinto mi diceva che avrei visto solo ragazze mezze nude e ragazzi maniaci.
Il mio istinto non si era sbagliato,in grandi linee è proprio quello che ho visto sabato sera in discoteca.

Sembrava di stare nella savana;da una parte le prede innocenti che ballavano con le amiche e dall’altra i predatori famelici che confrontavano con gli amici la loro preferita.
Adoro osservare i comportamenti degli adolescenti e paragonargli a quelli degli animali,ammetto che le similitudini di questo genere mi soddisfano molto per come rappresentano bene le scene reali.

Noi adolescenti siamo cosi,animaleschi. Tutti,anche io.
Ognuno sfoga i suoi istinti in modo diverso.
Il ragazzo medio della mia età cerca una ragazza su cui sfogarsi.
La ragazza media della mia età non so bene cosa cerchi,forse perchè io in quanto ragazza cerco cose diverse con le quali sfogarmi.
Già,io mi sfogo con la mia musica. Cantando,suonando e scrivendo canzoni.
La mia musica è impregnata dagli istinti irrazionali da adolescente che ho.

Dopo essermi persa nei miei contorti studi sugli adolescenti ho sentito una canzone che conoscevo e ho trascinato G. a ballare.
Nessuno se lo aspettava,ma ho ballato.
Avevano messo A Light That Never Comes dei Linkin Park,il mio istinto di sfogarmi con la musica si è fatto sentire.
Poi sono tornata a sedermi grazie al cielo.

Mi ha molto colpita l’architettura della discoteca.
Questa discoteca dove siamo andati noi è una delle numerose discoteche che nascono sulla litoranea della nostra città,ma sicuramente è la più bella.
Nasce dentro un albergo/stabilimento balneare quindi è proprio di fronte al mare.

Quando sono salita sulla terrazza con G. ho potuto ammirare il mare a notte fonda,e l’odore di sale che tanto odio pur essendoci nata vicino al mare.
L’atmosfera era romantica,si.
Io però sulla terrazza ci sono arrivata in lacrime e il romanticismo per me era finito da un pezzo.

Una sola frase,quello che doveva essere un complimento da parte di G. è diventato una pugnalata al cuore,l’ennesima,questa volta senza alcuna intenzione da parte sua devo ammetterlo.
Mi ha portata sulla terrazza per farmi tranquillizzare e mi ha consolata.
Non mi sarei mai immaginata che un giorno proprio G. mi avrebbe consolata,G. che mi diceva sempre che stavo troppo attaccata ad F. e che dovevo prendere un pò le distanze. Anche se le avessi prese queste distanze,sarebbe cambiato qualcosa? Non credo,forse sarebbe peggiorato tutto e basta. Ma peggio di cosi come poteva andare a finire?

Siamo tornati a casa che io reggevo lui per via della vodka che a sua insaputa gli avevo versato nel bicchiere.
Lui voleva far ubriacare me,ed io ho fatto ubriacare lui! 😉

Ora che abbiamo ottenuto ognuno dall’altro quello che volevamo,spero di poterlo cancellare dalla mia vita definitivamente.
Ci ho provato cosi tante volte…spero che questa sia l’ultima.
Quella buona.

Annunci

Un pensiero su “Discoteca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...