Calma ragazzi,non sto parlando del film,no no,io di film non mi permetterei mai a parlare perchè non sono mia materia.

Non parlo del film ma della mia vita.

Già,siamo giunti ai giorni dell’abbandono.

La colpa? Mia,come seeempre!

 

 

 

«Prendiamoci una settimana senza sentirci per schiarirci le idee» ha scritto colui che non deve essere nominato.

Cazzo no,non mi abbandonare con questa patetica scusa! ho pensato io disperata.

Alla fine ho accettato la sua proposta perchè -indovinate un pò?!?- era colpa mia se è arrivato a proporre una cosa simile.

Colpa mia poi,è colpa sua e di quella sua immaginetta patetica e troppo sdolcinata che mi ha fatto uscire fuori dai gangheri.

Ho un limite di sopportazione anche io,lo sappiamo benissimo tutti questo.

E se lui era l’unico che non mi facesse venire la nausea nonostante fosse dolce,con quell’immagine mi ha fatto arrabbiare moltissimo.

Non capisce? Non capisce proprio? Come è possibile questo???

Voi mi direte «Vee,ma ti arrabbi per un immagine?» ma non avete visto il livello assurdamente illegale di dolcezza di quel ragazzo,farabutto anzi.

Farabutto è più giusto,sarà il suo nuovo nome da ora in poi.

 

Mi manda questa immagine di un tronco d’albero,e all’interno di un cuore disegnato sulla corteccia c’erano i nostri nomi e una cosa tipo ‘’Fratelli per sempre’’.

E niente,il mio sistema nervoso è andato in corto circuito e ho strabuzzato così tanto gli occhi davanti al computer che mia sorella al mio fianco mi ha chiesto «Tutto bene Vale?».

Io non le ho risposto,ho scritto a lui «è bella 🙂 »,ho chiuso la pagina internet e sono scesa di sotto.

Ho iniziato a camminare avanti e indietro tra la scrivania e il letto osservando tutto con uno sguardo annebbiato dalla rabbia.

Quando ho visto la chitarra riposta innocentemente per terra vicino al ventilatore ho pensato ‘’Adesso le tiro un calcio’’.

Sono uscita dalla stanza prima che fosse troppo tardi e ho aperto facebook dal cellulare.

 

 

Alla fine non ricordo neanche come ci sono arrivata,ma gli ho confessato che lo amo.

Ero troppo erosa dalla rabbia e mi sono espressa troppo rudemente e brutalmente per lui che poverino è fragile e innocente e l’ho spaventato.

Mi ero ripromessa che avrei resistito per un altro bel pò di tempo,che non gli avrei detto niente per non fargli del male,ma la mia pazienza ha un limite molto ridotto e lui mi ha proprio rotto le scatole completamente.

 

 

Dopo un casino di sue domande e affermazioni confuse che mi hanno dato speranza e fatto tremare dalla rabbia insieme,abbiamo deciso di staccarci per un pò.

 

 

La cosa che più mi ha infastidita è stato il suo scetticismo,nonostante io fossi seria lui non mi credeva e anzi mi ha accusata di essere superficiale in quello che stavo dicendo.

Ma lui che cazzo ne sa che sta nel mio cuore? Cosa?

Io lo so,io e basta.

E so che lo amo.

Che a lui non vada bene non me ne frega un cavolo.

 

 

Sono andata a dormire più tranquilla diciamo,avevo sfogato tutti quei sentimenti repressi e mi sentivo meglio.

Sentivo perfino che mi stava tornando la fame,in quel momento però.

Non mi sono fatta tante illusioni,forse complice il sogno che mi suggeriva che lui non mi avrebbe amata mai,ma ho sperato e continuo a sperare che almeno torneremo amici.

 

 

Bella poi la frase che ho trovato stamattina appena sveglia che mi aveva mandato mentre dormivo e con la quale aveva già infranto il patto di non sentirci per una settimana.

«Grazie di amarmi» ha scritto.

La cosa mi è sembrata alquanto patetica da parte sua,dopo che gli avevo detto che so che lui non mi ama,mi sembrava un vano tentativo di calmare la mia rabbia per non perdermi.

‘’Grazie’’ mi ha detto grazie,ve ne rendete conto?

Ma perchè è così dolce? Non poteva semplicemente rifiutarmi e basta?

Credo che se una persona ti ringrazia perchè la ami,allora ti sta pugnalando in una ferita aperta.

Almeno io l’ho sentita così ed infatti mi è subito passata la fame stamattina.

 

 

 

 

E perciò sono qui,ad iniziare questo diario nel quale racconterò questi ‘’giorni dell’abbandono’’ e forse un giorno lo farò leggere anche a lui per fargli capire un pò di cose,per fargli capire quanto manca nella mia vita e quanto ho riflettuto su questa cosa come lui mi ha espressamente richiesto di fare.

 

 

 

Ma secondo voi io ho bisogno di riflettere ancora?

Ho scritto tanto su di lui,e da tanto tempo ormai.

Ho riflettuto abbastanza credo,ma lo farò contento e richiamerò a me tutti i modi che ho per riflettere.

 

 

Per adesso mi sento in uno stato di mal di testa comatoso quindi andrò a dormire un pò.

Sono le dieci e venti minuti,sono passate pochissime ore da quando gli ho detto addio e già me ne sto pentendo.

Ma gli ho detto addio? No,non voglio questo accidenti.

E se non tornasse più? Se come ho pensato a primo impatto,lui mi abbia scaricata con questa scusa solo per…paura?

Se non torna più,non so cosa farò,sono davvero confusa.

Io in colui che non deve essere nominato avevo riposto tutto l’amore che non avevo mai conosciuto in vita mia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...