Pubblicato in: Lettere

Addicted To Pain

Che du palle!

Ok,quando sono triste o arrabbiata esce fuori il lato romanaccio che è in me ed ora sono follemente arrabbiata e depressa allo stesso tempo.

 

E che du palle sta mancanza…

Uffa,uffa,uffa!!

Sbufferei giorni,settimane intere,finchè non mi restituiscono Ciccio.

Uffa!

Non ce la faccio.

Uffa.

Non ci riesco.

Voglio solo sbuffare e dormire.

Continua a leggere “Addicted To Pain”

Pubblicato in: Tags & Awards

#LoSchifoTag

Gente,mi sono divertita un mondo ha descrivere la mia prospettiva di ‘’schifo’’ perciò mi è venuto in mente di crearne un tag per tutti voi.

Non ho mai creato un #Tag ma quando avevo scoperto il mondo di queste robette simpatiche mi ero ripromessa che se mi fosse venuta una bella idea ne avrei creato uno anche io.

 

 

E adesso l’idea c’è l’ho qui nella mia bella testolina contorta,e quindi ve la illustro.

 

Continua a leggere “#LoSchifoTag”

Pubblicato in: Pensieri, Vita

Lo schifo.

Lo schifo è la pubblicità porno a lato di Youtube o dei siti per i film in streaming.

Lo schifo è sentirsi sempre soli,anche se circondati da un mucchio di persone;è sapere che puoi perdere da un momento all’altro ogni singolo individuo che conosci.

Lo schifo è i film con gli adolescenti fatti da adulti che non sanno niente degli adolescenti e ci ficcano dentro un sacco di «cazzo,merda,troia»,di sesso e di droga perchè pensano che questo faccia giovane. Se i giovani li vedono,quei film lì, gli fanno schifo.

Lo schifo è non cavarci un senso da niente, soprattutto la mattina presto,quando le cose dovrebbero avere un senso per forza o si è finiti.

Lo schifo è perdere. Perdere fa schifo. E si perde sempre.

Continua a leggere “Lo schifo.”

Pubblicato in: Passato

7 Novembre 2014

Quella mattina mi svegliai sbagliando già qualcosa di molto importante.

L’orario.

Mi svegliai tardi,alle otto e mezza.

Non andavo più a scuola ma mi svegliavo alle sette,mi preparavo e andavo sotto casa di Franky per accompagnare lui a scuola.

Senza di me non si smuoveva da casa,aveva bisogno del mio sostegno diceva e allora mi alzavo la mattina presto e lo accompagnavo volentieri a scuola purchè almeno lui avesse un istruzione decente.

Ma molte erano state le mattinate fino a Novembre nelle quali io e sua madre avevamo dovuto lottare per farlo alzare dal letto.

Quella mattina non lottò nessuno.

Continua a leggere “7 Novembre 2014”