9 Gennaio 2016

 

Sto rileggendo Le anatre di Holden sanno dove andare,non so più che leggere.

Ormai tutto mi annoia,mi sento morta dentro,non apatica ma senza alcuno stimolo.

Ogni tanto,anzi,spesso,Francesco usa espressioni tipo «….questo mi stimola molto» riguardo a qualcosa che gli propongo di fare o che viene in mente a lui.

Ecco,lui mi ha fatto capire questa cosa.

Che a me non stimola più niente.

Se non lui,ovviamente.

Lui accende il mio interesse,ma tutto il resto è piatto come l’elettroencefalogramma di una persona in coma irreversibile.

A me non mi stimola più niente,leggo per passatempo ormai.

Per questo sto rileggendo quel libro,sto ascoltando le partite,sto vedendo film,sto suonando la chitarra.

Solo per far passare il tempo.

Attendo.

 

 

 

Mio padre mi vuole iscrivere ad una scuola.

Quando è tornato a casa l’altro giorno si è fatto prendere da una specie di entusiasmo e mi ha raccontato di fila tutto quello che aveva letto su questa scuola.

La mia prima reazione?

Paura.

 

 

Ha iniziato a raccontare i dettagli,e io mi sentivo sempre più confusa e spaventata ad ogni sua parola.

Una scuola di tre anni.

Dalle suore.

Corso di ristorazione.

Gratuito,offerto dalla Regione per i nullafacenti come me.

Uno stage di duecento ore,credo di aver capito,almeno.

Un rimborso spese per i trasporti.

 

Ah,quindi mi pagano un pò?

Cioè,ci intasco qualcosa?

O si fottono tutto i miei genitori con la scusa che sono una fallita e devo contribuire alle spese per mangiare?

Non so se mi conviene,ho paura che mi fottano i soldi e poi lavoro e studio gratis.

 

La volete sapere la verità?

A me fanno schifo le suore,mi fa schifo la ristorazione e mi fa schifo tutto.

 

Appena ho sentito tutta sta roba e mio padre che diceva che dovevo fare la domanda d’iscrizione,partecipare al test e sperare di essere presa,beh sono andata nel panico.

 

Sono andata in Biblioteca perchè non sapevo con chi altro consultarmi se non con Francesco.

Lui poi ha fatto l’alberghiero,magari poteva darmi un consiglio o una cosa,e infatti l’ha fatto.

Quasi correvo per strada,davvero,anche se erano le due di pomeriggio e quando mi hanno vista entrare in Biblioteca mi hanno guardata strano.

Per fortuna Ciccio era li per me quando ne avevo bisogno.

Secondo lui posso farlo questo corso,secondo lui è anche normale che ho paura,e secondo lui il fatto che sono bassa non mi dovrebbe essere d’handicap per questo mestiere.

No,perchè io avevo paura veramente che la mia altezza potesse essere d’intralcio a questo mestiere.

Del tipo,mi chiedo io,se devo prendere qualcosa da uno scaffale in alto tipo una pentola,come faccio?

Mi faccio aiutare da qualcuno? E che sono la Regina dei fornelli che mi devo far aiutare? Boh,la cosa mi romperebbe un casino. E non posso nemmeno mettere le scarpe con i tacchi in una cucina,quindi come mi aiuto?

 

Ciccio dice che lo posso fare se lo voglio questo corso,che almeno faccio un esperienza e imparo qualcosa,poi se non mi piace smetto.

Ma io non la vedo cosi facile invece.

Io la vedo che se studio da ste suore poi sono costretta a fare la cameriera o quello che è,a vita.

E guardate,non è che io ho qualcosa contro i camerieri,in famiglia mia quasi tutti hanno fatto questo mestiere,solo che…

…Che io non mi ci vedo proprio a sorridere ai clienti e stronzate varie.

Io non mi ci vedo proprio con un lavoro.

Io non mi ci vedo proprio a scuola.

Dalle suore.

Io che sono atea?

Io che odio la scuola?

Chissà chi cazzo ci va lì,ho paura.

Io non mi ci vedo proprio a prendere un impegno per TRE anni.

Ma sapete quanti sono tre anni?

Io voglio sinceramente essere morta,bella e in pace,tra tre anni.

Altro che lavoro,e scuola.

Ma scherziamo?

Siamo impazziti?

 

Però devo accontentare mio padre e iscrivermi.

Non so come farò,ma in qualche modo farò.

Deciderò al momento cosa fare.

Potrei sbagliare tutte le risposte del test attitudinale e cosi esser certa che mi scartano.

Oppure potrei semplicemente dire alle suore che sono atea durante il colloquio motivazionale,cosi mi scartano e mi guardando anche male.

Poi c’è la terza chance,e cioè quella che mi ci impegno e a farmi prendere e alla fine non mi prendono e ci rimango di merda.

Come la faccio faccio,sbaglierò sicuro.

Boh,farò come mi gira in testa quel giorno.

Ammesso che sarò ancora viva il 20 Gennaio.

 

Ragazzi miei,se il 20 Gennaio mi prendono a questa scuola di suore che mi insegnano a cucinare la mia vita cambierà radicalmente.

Questo lo so.

Ma non so se cambia in positivo o in negativo,questo ancora lo devo valutare.

Se non mi prendono,non me ne frega un cazzo in realtà.

 

Francesco dice che i vestiti che usano in quel settore mi starebbero bene.

Io dico che ci starei di merda vestita da cuoca e probabilmente mi nasconderei la faccia con il cappello per la vergogna.

No,ma dai,può una rockettara mettersi a cucinare?

Poi io non so neanche accendere il gas,ma come cappero…no,dai…

 

Che palle,e dire che qualche anno fa avevo anche il sogno di fare la cuoca o una cosa di questo settore.

Come è possibile che adesso mi faccia tutto cosi schifo?

Chi cazzo mi ha fatto diventare così schifosa?

 

 

Fanculo tutti,voglio diventare la cuoca migliore al mondo.

E poi prenderò a lavorare come cameriere nel mio ristorante un criceto mezzo siciliano e mezzo tedesco.

L’ha detto lui che gli piace come lavoro eh,non è che lo voglio sottomettere.

Solo qualche padellata in testa,dai…

In attesa di scoprire che cosa farò con questo corso,continuo a scrivere lettere a Francesco che almeno faccio qualcosa si sotto-utile.

 

 

Annunci

6 pensieri su “Be Quiet and Drive…

  1. Sta sera ti commento per bene: ti racconto di quando mi sono iscritta in Cattolica ho fatto il test d ammissione per la scuola e il collegio e poi ho mollato tutto; diquando ho fatto l iscrizione a 2 universita e ho mollato; e di quando mi avevano presa a firenze, a una scuola di moda di design di scarpe, mollata anche quella. E poi alla fine ce l ho fatta, quando l ho scelta io, l universita’ che mi piaceva, e che volevo fare. Quando ho iniziato, per davvero, io. Pero’ te lo racconto per bene. Dopo :).

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...