9 Gennaio 2016

 

Come dicevo prima,in questi giorni ho la testa molto confusa.

Sto cercando di mettere nero su bianco questa confusione,ma non so se ci sto riuscendo.

La mia concentrazione è scarsa oggi,sono finita per parlare di Gossip Girl O.o

 

Ieri sera mi sono addormentata piangendo e desiderando di morire.

Ormai mi capita da qualche notte.

Non capisco bene perchè mi succeda,di solito quando voglio morire lo desidero sempre,a qualsiasi ora e in qualsiasi momento,e ci provo.

In questi ultimi giorni invece vivo delle giornate apparentemente normali;tra impegni,lettere,letture, chitarra e momenti di vuoto.

E poi alla sera mi sento svuotata di tutto,sento di aver sprecato un altra giornata e che le cose vanno sempre peggio.

I problemi invece che diminuire,aumentano.

Nessun problema si risolve,al massimo peggiora.

Le soluzioni sono lontane,sempre più complicate e intricate,accidenti.

E allora voglio morire.

Voglio semplicemente smettere di respirare e sentirmi liberata da tutto questo peso,questa pressione e questi stramaledettissimi problemi del caspio.

E ieri è stato strano.

Ho pensato che se mi uccidevo avrei fatto un regalo a Francesco.

Ho capito Frank per la prima volta da quando si è suicidato.

Ho capito perchè quando l’ha fatto ha pensato che mi stava facendo un favore.

Perchè vivere quando non lo vuoi fare ti fa soffrire e fa soffrire tutti quelli attorno a te.

Allora stanotte ho scritto una storia strana,ho avuto delle allucinazioni e ho pensato che se muoio aiuterò tutti quelli che mi stanno attorno a stare meglio.

Come se togliessi una nube incombente dalle loro vite,e basterebbe solo cancellare la mia di…vita,se così si può chiamare.

 

 

E mai mi era capitato di comprendere Franky e il motivo per cui si era suicidato senza pensare a me e a ciò che sarebbe rimasto della mia vita senza di lui.

Ho capito,non è difficile da comprendere.

Lui pensava che sarei stata più felice senza il suo peso addosso,che avrei vissuto,che avrei fatto qualcosa in questo mondo immenso.

E poi era troppo stanco,estremamente stanco per continuare a lottare.

Ed ora lo capisco,lo capisco così bene che mi viene da piangere anche per lui che ha dovuto soffrire cosi tanto.

E mi viene da piangere per me che sono costretta a stare qui a soffrire,eternamente condannata a piangermi addosso come un emerita imbecille.

 

 

Sapete quanto sarebbe felice mia madre senza di me?

Non dovrebbe più cucinare dieci mila piatti diversi solo perchè io sono schizzinosa.

Non dovrebbe più buttarmi giù dal letto ogni mattina perchè deve mettere in ordine la mia camera.

Sarebbe davvero toglierle un gran peso se io morissi.

E mia sorella? Oh,lei sarebbe felicissima di non avere più la sorellina minore e ignorante che sta sempre a cantare o a suonare la chitarra o a romperle i coglioni.

Lei sarebbe la più felice di tutti.

E mio padre?

Beh,lui sarebbe felice di non avere più una fallita in casa.

Una delusione che ha abbandonato la scuola e non fa un cazzo dalla mattina alla sera.

Perchè ovviamente per lui il fatto che respiro ancora non conta come attività produttiva,perchè lui non sa quanto per me è difficile il solo respirare e uscire di casa.

Forse…forse anche mia sorella maggiore L sarebbe felice se io morissi.

Non so,su di lei ho alcuni dubbi,perchè lei è strana come me infondo.

Penso che lei più che altro si arrabbierebbe con me se morissi,ma dopo si renderebbe conto che era la cosa migliore che potesse succedere per tutti.

Per loro che non dovranno più assistere alla mia letargia e al mio deperimento.

E per me che non dovrò più soffrire della mia apatia.

Potrò metter fine a tutto.

Ma poi penso a Francesco,e mi chiedo lui come reagirebbe.

Non riesco a pensarlo come reagirebbe,non lo so.

Da una parte me lo immagino incazzato nero perchè sono stata un egoista a lasciarlo solo nella merda e dall’altra parte me lo immagino impassibile come se non è successo niente che continua con la sua vita.

Sapete,io ci tengo molto a Francesco,io lo amo Francesco e se ieri sera non sono uscita di casa per suicidarmi è solo perchè non so come reagirebbe lui.

E il fatto di morire senza sapere se facendolo gli farò del male o no,mi fa venire dubbi,mi fa demordere.

Non posso morire finchè c’è lui,è oggettivamente cosi la realtà,non posso lasciargli le stesse incertezze che Franky ha lasciato a me.

Non riesco ad essere cosi egoista,lo amo troppo per fare questo.

Posso solo aspettare che si stanchi di me,che mi faccia del male,cosi che potrò metter fine a tutto questo serenamente senza alcun rimpianto.

Voglio morire in pace,almeno questo me lo merito.

Perchè in vita sono stata tutto fuorchè in pace,ho creato e ho visto crearsi un casino dietro l’altro nel mio mondo,e mai ho sperimentato la tranquillità e certezza.

Perciò voglio morire in pace,essendo sicura che non farò del male a nessuno e che soltanto mi libererò da questo mio male.

Voglio fare qualcosa per me stessa,per sentirmi libera per sempre.

 

 

Per ora posso solo vivere sopportando questa sofferenza,sopprimendo i problemi irrisolvibili e cercando di apparire costantemente viva e vegeta anche se dentro di me sto cadendo a pezzettini,definitivamente questa volta.

Non è una sofferenza atroce,non sento che il mondo mi rema contro e sono circondata da ingiustizie e roba simile che ho pensato in passato.

Sono diventata consapevole che questa è la mia vita,così com’è,problemi compresi,e devo solo sopportare di andare avanti finchè non arriverà il momento in cui potrò definitivamente chiudere con questa esperienza.

Devo dire che è stata una bella esperienza,un esperienza strana ma bella,ma adesso sono stanca e voglio dormire per sempre.

Ne ho abbastanza di questa esperienza,lascio il mio posto a chi ne ha più bisogno e più voglia.

Mi faccio da parte.

Andate bambini,giocate,vivete! Fatelo anche per me che mi sono arresa subito.

 

 

Sarebbe bello avere una bacchetta magica con la quale fare una magia -puf,puf- e rimettere tutto apposto nella mia vita.

Darmi pace e tranquillità,un bel letto in cui mi senta protetta e un abbraccio sincero.

Ma le magie non esistono e non posso far molto se non abbracciare quella bastarda della mia chitarra per ora.
Chi non desidererebbe una bacchetta magica,no?

 

 

Ora sono calma.
Sono consapevole,sono calma.
Non mi fa più paura morire,non lo voglio fare più per disperazione.
Voglio farlo solo per trovare la pace che cerco.
E state certi che presto la troverò.
Non ci vorrà molto che Francesco si accorga che deve lasciarmi morire sola e in pace,e allora potrò benissimo metter fine a tutto tranquillamente.

 

 

Mi dispiace,avrei voluto…

….avrei voluto,volevo troppo.

 

 

Annunci

5 pensieri su “Tempest

  1. Come può essere che sei arrivata a questo punto?
    Cosa ti porta a pensare che se non ci fossi più gli altri rimarrebbero impassibili o peggio ancora meglio?
    Non penso che le motivazioni razionali e quasi banali che hai dato tu siano oggettive. Gli altri non pensano con la tua testa e non provano sentimenti solo in base a ciò che fai (nel senso di agire).. intendo dire che ognuna delle persone che ti sta attorno molto probabilmente yi vuole bene, e solo se ti odiassero starebbero bene senza di te. Ragiona col cuore oltre che con la mente.
    E se pensi che gli mancherai vuol dire che sai che ti sono attaccati, in misure diverse e in modi diversi l’uno dall’altro.
    Una frase che conosco dice circa “le persone che ci stanno accanto (di frequente, abitualmente) sono le prime a dimenticarsi del bello che c’è in noi” e se te ne vai se ne andrà anche il bello che c’è in te, e mancherai.

    Liked by 1 persona

    1. Come ci sono arrivata? Non lo so,probabilmente mi è semplicemente sfuggito tutto di mano.
      Se morissi la mia famiglia in primis non sentirebbe la mia mancanza perché sono un peso morto per loro. Un essere umano che sono costretti a sopportare per motivi a loro sconosciuti. Sai quando perdi qualcosa che avevi sempre attorno,tipo un pesciolino che avevi accudito sulle prime, poi avevi semplicemente fatto l’abitudine alla sua presenza e alla fine muore e non ne senti la mancanza?
      Io sono cosi. Inutile, sorpassabile, dimenticabile.
      Ora non ricordo bene cosa scrissi in questo articolo e non so se le mie parole allora sarebbero state diverse ma adesso è questa la risposta che ho.
      Se me ne vado non machero perche non hp avuto il tempo e le palle do costruire niente di bello in me.

      Mi piace

      1. Si,così se riuscissi a lasciare uno spazio vuoto magari capirebbero quanto mi hanno data per scontata…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...