Uno trova quello di cui ha bisogno sempre nel momento in cui ne ha bisogno.
Questo lo diceva Hermann Hesse,uno dei miei scrittori preferiti.
Però non diceva che…
…Di solito quando hai bisogno di quella cosa che trovi,stai in un momento di merda.

E se avessi trovato quella cosa prima che mi servisse?Non sarebbe stato anche meglio,magari?
Invece no,la cosa che mi serviva (Francesco) l’ho trovata quando mi serviva (poco prima di ricominciare a stare male come una bestia).
Peccato,mi avesse conosciuto prima,che peccato.
Chissà come sarebbe andata.
Ma basta con i chissà, i se e i ma.

Uno ha sempre ciò di cui non ha bisogno e mai quello di cui ha bisogno.
Questa cosa l’ha inventata la mia mente in un momento nel quale guardavo il soffitto ascoltando la musica e mi sono messa a spulciare nella mia mente.
Impazzisco,chissà da chi l’ho copiata sta affermazione.
Fatto sta che mi sono resa conto di avere ciò di cui non ho bisogno e non avere ciò di cui avrei bisogno.
In ordine.
Non avrei bisogno ma ho;
Uno smartphone,internet,un fidanzato,vari nipoti,sorelle,tartarughe,problemi economici,problemi di salute nella mia famiglia,problemi nella mia testa,persone che cliccano mi piace ai miei articoli senza nemmeno leggerli.
Avrei bisogno ma non ho;
Un amica fidata,un abbraccio quando mi sento sola (sempre), un lavoro,una scuola,un istruzione,un letto nuovo,Frank,un concerto al quale andare,un sogno,degli psicofarmaci,uno psichiatra che mi accarezza e mi dice che andrà tutto bene.

Avrei voluto Francesco in un momento diverso,un momento nel quale stavo bene e potevo amarlo tranquillamente anche se lui è come è.
Un momento nel quale non scoppio a piangere all’improvviso per i mille motivi che mi fanno stare male passando probabilmente per celebrolesa ai suoi occhi.
E che celebrolesa sia!!!
Evviva!!
Vorrei Frank,lo vorrei ancora ad aiutarmi,a farmi da ombra,a respirare qui accanto a me.
Ma non c’è,lui non c’è,ci sta solo Francesco che non avrei voluto ora.
A cosa serve un fidanzato ad una psicopatica?

Tutto è cosi sbagliato e la Juve sta pure perdendo.
Ed io non sto seguendo la partita perchè mi scoccia e preferisco scrivere ascoltando Alex Turner,con lo sfondo amaranto che mi fa venire voglia di bere.

La verità è che Francesco non mi ascolta,per questo non gli parlo dei miei problemi,poi se insiste piango e sto male.
E non capisce,vabbè,hai i suoi crismi in testa,ovvio che non mi capisce.
Non vorrei neanche che mi capisse,sarebbe orribile se vedesse tutto lo schifo che ho in testa,addosso…
La verità è che Francesco è diventato come un parente per me,l’ha detto lui stesso stanotte e mi ha fatto addormentare pensando a sta cosa.
E mentre vedevo le prime luci del sogno ho pensato «Ecco perchè non riesco più a confidarmi con lui,perchè lo vedo come un parente con il quale devo mostrarmi forte e perfetta…come sto facendo con la mia famiglia…».
Ed oltre all’istantanea tenerezza che ti fa venire capire che lo vedi come parte della tua famiglia ormai,anche se è solo il tuo fidanzato e vive a 1.535 chilometri di distanza da te,è brutto pensare che hai un altra persona da proteggere dalle stronzate che fai ed hai di conseguenza perso l’ultima persona alla quale confidavi tutto.

Niente,Francè,finita l’epoca dei piagnistei.
Non saprai più niente di me.
Io continuerò ad amarti e ad odiarti,continuerò a star male finchè non scoppierò.
E quando ieri sera hai detto «Ho paura» – «Non muori,vero?» ed io ti ho risposto «Vuoi che muoio?» – «Perchè se vuoi che muoio,muoio» sappi che ti stavo prendendo per i fondelli.
Io muoio ogni giorno perchè lo voglio io.
Non mentivo quando dicevo che se tu lo volessi io morirei,se me lo chiedi lo faccio,ma se mi chiedi di vivere non lo faccio.
Sono cattiva,lo so,ma tu non lo sai…io non posso vivere più,è finita, tesoro.
Ci ho provato,lo sai.
Me l’hai chiesto,tesoro,era Gennaio forse,ma il tempo è passato e la mia mente non fa che stare peggio.
Ti prego non farmi soffrire ancora,permettimi di andare via tranquilla e in pace.
Francesco mio,tu sei l’unica cosa che amo a questo mondo,e non voglio farti soffrire uccidendomi,ma non posso continuare a vivere cosi,perchè dovrei farlo…?
Non ne ho più la forza,la volontà ne la pazienza…
Sono stanca,Francesco.
Dovresti stare solo.
Dovrei stare sola.
Ma lo sai che alla fine tornerò sempre strisciando da te,e fanculo Alex Turner ha ragione,tornerò strisciando da te,a piangere….
…Ma ti sembra giusto questo per noi?
A me no,tesoro,non mi sembra piu giusto per te.

Mi hai conosciuto nel momento sbagliato,tutto qua.
Non è colpa tua,ma mia.
Adesso ho bisogno di andare nel solo posto dove posso stare tranquilla,Francè,e non è in Germania insieme a te.
Lo sai bene che non con te che sono tranquilla…perdonami se puoi.

image

Annunci

3 pensieri su “E non lo so più se tornerò strisciando da te…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...