Storia di un amicizia, Parte

Partiamo dall’inizio.
Erano i primi giorni di Luglio quando conobbi questa donna,che per motivi di privacy chiameremo con il nome di Giuditta.
Ero una ragazzina che aveva appena compiuto diciassette anni,annebbiata nella mente dal sogno sempre più vicino di comprarsi una chitarra nuova,e per caso conobbi questa donna sul blog commentando un suo scritto che mi aveva colpita.

Giuditta sembrava simpatica e iniziammo cosi a scriverci qualche mail.
Dopo,a metà di quel mese conobbi il Criceto,che tutti conosciamo quindi non c’è bisogno che vi spiego chi è, e lei mi diventò di aiuto per quanto riguardava lui.
Io sono una personcina che sa di sbagliare sempre,perciò andavo chiedendo puntualmente consigli a cento persone prima di prendere la decisione con la mia testa bacata.
In quel periodo c’era S a cui chiedevo anche consigli sul Criceto,c’era mia sorella con la quale ero più in confidenza in quel periodo,Gianluca e Anto che perfino iniziarono a sorbirsi i miei primi piagnistei su questo tedesco,e infine c’era Giuditta.

Puntualmente non ascoltavo mai nemmeno i consigli della saggia Giuditta,e quando mi disse di non rivelare al Criceto i miei sentimenti,di aspettare,temporeggiare,io feci l’esatto opposto spiattellando tutta la realtà di fronte al Criceto.
E devo dire che è uno dei migliori errori che ho fatto ultimamente,perchè infondo lui doveva sapere,perchè questa è una faccenda che implicava troppo entrambi fino al midollo.
Quando le scrissi:
«Ho fatto un casino!» – «Ho detto tutto a Francesco,gli ho detto che lo amo e lui…lui si è spaventato!», ricordo ancora la frase che mi disse Giuditta come risposta «Ma no Vale,ti avevo detto di non farlo!».
E ragazzi,mai seguo i vostri consigli,lo so,ma forse a non seguire i consigli di Giuditta ho fatto bene.
Dal primo giorno in cui ci conoscemmo ha iniziato a propinarmi consigli,insegnamenti da guru non laureato,ma allora erano richiesti da me quindi non mi lamentavo mica ne mi infastidiscono ora.
Chiedevo «Come posso fare?» – «Come faccio a smettere di amare questo ragazzo?» e ricevevo risposte,consigli richiesti appositamente.
Bene,molto bene fino a qui.
Mi stava simpatica Giuditta all’epoca,forse ancora oggi,non so,boh..
Fatto sta che Giuditta mi sembrava una persona che come me ha sofferto tanto,che cerca affetto,che viene emarginata,e che ha qualcosa di strano rispetto agli altri esseri umani.

Le cose sono cambiate quando l’ho aggiunta come amica su Facebook ho iniziato a stare peggio del solito,verso Dicembre/Gennaio.
Prima,Giuditta era stata una buona amica,semplicemente una buona amica.
Mi aveva fatto compagnia,mi aveva continuato a dare consigli che non ascoltavo ma su cui provavo a riflettere.
Avevamo parlato e parlato di musica,di amore,di libri,di argomenti da donne insomma.
Lei  -confermata la mia ipotesi iniziale!- era una persona particolare,ma poi mi sono accorta che non è particolare come me,è di una particolarità diversa.
La mia diffidenza nei suoi confronti però era sempre tale che non riuscivo a raccontarle i grandi segreti della mia vita,metti perchè ho sempre paura,metti perchè vedevo lei raccontarmi i suoi segreti con una tale avventatezza che mi metteva paura.
Quando lo faceva pensavo Ma,Giuditta,non pensi a quello che stai scrivendo? Se io fossi una persona cattiva potrei rovinarti,lo sai? Potrei sputtanarti dappertutto,con i tuoi amici,e farti fare la parte della **** che sei… ma mi dicevo che Per fortuna io le voglio bene e ste cose non usciranno mai da questa bocca ma il mio retro pensiero diceva Non provare a dirle i tuoi segreti,è pericoloso,non sai com’è! Se lo va a dire a tua sorella?! Sta muta,Valentina,muta! e perciò stavo caldamente muta.
Ma mi preoccupava la sua ingenuità,speravo non andasse a dire a tutti quelle cose perchè se cosi fosse stato…prima o poi qualche persona cattiva l’avrebbe incontrata che l’avrebbe sputtanata.
Non l’ha incontrata,vi assicuro che io tutto voglio fuorchè sputtanarla.
Io voglio cercare di capirla,anzi,perchè infondo le voglio bene anche se mi sta scocciando un pò ultimamente.
Forse,quasi sicuro,la colpa è mia,sono io che sbaglio e la vedo in modo sbagliato.

Nel giro di pochi mesi l’amicizia tra me e Giuditta si è capovolta.
Da tranquilla e pura amicizia tra donne,è diventata una cosa insopportabile per i miei poveri nervi già fragili di loro.
I primi segni sono arrivati a Dicembre,quando mi hanno tolto internet,ma io non me ne accorsi subito,perchè ero troppo presa a farmi trasportare dalla malinconia.
Poi,ripensandoci su quando riflettevo sulla nostra amicizia,mi sono detta «Ah,che bella stronza però!».

Mi stavo lamentando con lei perchè mia sorella avrebbe tolto il modem.
«Io come farò senza Francesco?» la mia lamentela continua.
«Scusa,ma perchè tua sorella ha disdettato internet?» – «Perchè non vuole che parli con Francesco o perchè non può pagarlo?» mi chiese lei,domanda accettabile dai,per una che non si fa mai i cazzi suoi come è Giuditta.
«No…perchè recentemente ha perso il lavoro e non può più pagarlo» la mia risposta,anche se non volevo raccontare i fatti miei,orgogliosa come sono.
«Ah,ho capito!» la sua risposta iniziale, «Ma Vale,un modo per convincerla a non farlo ci sarà» ha continuato pensando che mia sorella toglieva internet per non farmi parlare più con Francesco,non mi ha ascoltata «Dille ‘’Ma vuoi tornare ai tempi della pietra?’’ ‘’Senza internet come viviamo? Nelle caverne?’’ e vedrai che capirà che non può farlo» mi ha detto pugnalandomi al petto.
In quel momento,ripeto,che non ci ho fatto proprio caso,poi rivedendo questa conversazione «Ah,che bella stronza!» ho pensato rimanendoci male.
Rispetto nei miei confronti,zero.
Educazione nei confronti di una persona con problemi economici,zero.
Alla faccia della stronza,quindi pensa che vivo nelle caverne perchè non ho internet? Ah,brava,brava Giuditta,bravissima.
Moralità,zero,che non è il centro della vita internet e quanto sei superficiale se pensi che chi non ha internet è un poveraccio che vive nelle caverne.
Sai,ci vivi tu nelle caverne.
Nelle caverne della tua infinita ignoranza.

Continua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...