Non riesco a pensare.
Che faccio? Boh,mi viene da sbadigliare e nient’altro.
Ecco,primo di una lunga serie di sbadigli davanti allo schermo del pc.

E che mi sono appena svegliata dopo il mio riposino di mezz’ora.
Mi sono fatta la doccia perchè mia madre rompeva e domani devo andare dal dottore.
Sinceramente mi sono un pò scocciata ad andare da tutti questi dottori ma la cosa mi passa piuttosto sopra invece che attraverso visto che ho sempre sonno.
Boh,sto periodo è cosi,ho sempre sonno.
Faccio due riposini di mezz’ora al giorno per recuperare ciò che non riesco a dormire di notte.
Sembro uno zombie,e barcollo di qua e di là,ma non c’è molto altro da fare.
La notte faccio incubi,vedo cose strane,e il riposo non è mai sufficiente a contenere le sfuriate che faccio da sveglia.
Gli attacchi di rabbia,le crisi di pianto,i momenti di confusione,la mia mente non riesce a sopportarli perchè poco riposata e lucida.
Sono una lampadina fulminata.
Non spenta,fulminata.
Faccio luce a intermmitenza.

E il fatto che non riesco a pensare non mi aiuta.
Arrivato anche il secondo sbadiglio.
Dovrei prendere una decisione ma non so che fare.
Non so davvero che cosa dire…boh,zero parole.
Mi sento come se fossi a scuola,a fare scena muta davanti alla lezione di matematica.
Qualche giorno fa…no,forse settimane fa,mi ha scritto Francesco.
E dovrei decidere che cosa fare,se tornare ad essere sua amica o no…ma non riesco a pensare.
Ho solo sonno,e sento che nemmeno il sonno eterno riuscirebbe a restituirmi tutte le energie sprecate negli ultimi giorni a spaccare mobili e gridare come un ossessa contro i miei genitori.
Poveri,non hanno colpe. Ma io ne ho? Forse si,forse no.

E non riesco a fregarmene molto di France,che perda la pazienza o cambi idea…mi passa tutto sopra…
Non so che mi prende,sento di essermi persa qualcosa della mia vita ultimamente,è diventato tutto cosi poco importante che potrei lanciare il letto contro lo specchio e scoppiare a ridere nonostante tutto.
Se mai ritroverò la concentrazione penserò a Francesco,e a cosa fare riguardo ciò che mi ha scritto.
E vai con il terzo sbadiglio.
Adesso mi metto bella nel mio angolino a leggere Harry Potter e fanculo tutto e tutti.
Poi stasera mangio,e poi scrivo.
Dopo magari trovo un film da vedere in tv,e se non lo trovo leggo ancora e poi provo a dormire.
Tanto lo so che sogni strani e incubi disturberanno il mio sonno,sempre.
Forse avrei fatto bene ad accettare quelle medicine,perchè sento che sto davvero perdendo…il controllo.
Non so neanche che titolo dare a quest’articolo.
Suggerimenti dal pubblico? Non vedo nessuno. Per ora…

Annunci

19 pensieri su “Non riesco a pensare

  1. uhm, perchè non provare a vedere se col messaggio puoi riavvicinarti a qualcuno che ti capiva e magari può aiutarti a sfogarti senza spaccare i mobili?
    Più che altro perchè na poltrona e un comodino in casa fanno comodo.
    E anche un amico che ti offra un sorriso e un orecchio per ascoltarti…..

    Liked by 1 persona

      1. NOn farci caso è una cosa che però non dovresti fare.È una situazione che così rimani in sosteso e anche se in questo momento non ci fai caso,nella tua vita andrà a finire che si ripresenteranno le solite situazioni affinchè tu possa riaffrontarle.Affornta i tuoi conflitti sia esteriori e interiori,non lasciarli a vagare senza meta.Non ti fa bene.

        Liked by 1 persona

  2. Comprendo molte delle sensazioni che descrivi purtroppo.
    Lo spettro della depressione ha tanti volti, e questi sembrano alcuni dei suoi sintomi.
    Durante la notte fai “solo” sogni orribili o ti svegli anche più volte?
    Posso chiederti quali medicine ti erano state proposte e perché le hai rifiutate?
    Personalmente, sono stata aiutata tantissimo dai farmaci (che non fanno tutto, certo, ma in alcuni momenti fanno tanto): ricorda che, eventualmente, accettare un farmaco non è segno di debolezza, anzi.
    Riconoscere un problema e volerne venir fuori è una grande manifestazione di forza.
    Ti abbraccio e spero che questo momento passi presto.

    Liked by 1 persona

    1. Allora…durante la notte mi sveglio spesso dopo gli incubi o anche senza aver fatto incubi.
      Mi avevano proposto degli psicofarmaci ma per ora non ho voluto prenderli.
      Forse mi prescriveranno delle goccie per dormire visto il casino che sto combinando, penso che se almeno inizio a dormire bene potrei farcela da sola.
      Ho troppa paura di quelle medicine..

      Mi piace

  3. Non prendere mai medicine per la mente, sarebbe un punto di non più ritorno. Al limite, una “curetta” di tre mesi circa con iperico, nelle giuste dosi. Gli effetti si hanno molto gradualmente e non c’è alcun tipo di dipendenza, favorendo, l’iperico, il naturale rispristino del ciclo della serotonina e della melatonina. Questo per quanto riguarda gli aspetti strettamente biochimici.
    Per quanto concerne gli aspetti psicologici, penso di poter affermare che la tua stanchezza sia dovuta a quell’eccesso di sensazioni a cui ci sottopone quest’epoca. C’è un surplus di emozioni e “sentimenti” che, come tutto ciò che eccede, porta inevitabilmente ad una nausea, alla stregua di chi mangiasse più del dovuto. Bisogna un po’ astenersi dal pensare al tutto e concentrarsi su poche cose. Leggi, ad esempio, il “Nome della Rosa” di Eco o “1984” di Orwell; ti sentirai bene perché guarderai, quel mondo che ti fa nausea, dall’esterno e con la gioia – ed insieme il terrore – di scovarne gli arcani. Investigare sul mondo ingarbugliato porta ad una “gioia” simile con cui un ispettore di polizia affronta un terribile caso di cronaca.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...