Franceschi

Mi sento in dovere di aggiornare la lista.
A far parte della mia vita è entrato un altro di questi mitici personaggi.
Anche se prima o poi potrò cacciarlo via con la mia antisocialità o potrà lui andare via,rimarrà per sempre nella storia dei miei Franceschi.

Siete pronti?

image

Questa è una storia triste,commovente e irrealistica.
Ma vi assicuro che è tutto vero,posso chiamarvi a testimoniare quasi tutti i protagonisti di questa storia e affermerebbero la mia tesi.
Io sono pronta,mena,diamoci una mossa prima che iniziano a girarmi i pensieri per la mente come mosche e inizio a piangere.

Qualche anno fà,mi pare un paio di anni fa,scrissi la lista dei Franceschi che erano stati importanti nella mia vita.
Per chi non lo sa,nella mia vita c’è questo stranissima coincidenza che le persone importanti che mi segnano in positivo si chiamano tutte Francesco.
Adesso,potrei andare a ricercare quella vecchia lista,ma non mi va perché incontrerei nei meandri del vecchio blog tanta sofferenza che non mi va di rivivere in questo momento.
Se a voi va di ricercare quell’articolo fate pure,da ste parti deve stare sempre e comunque.
Io voglio pensare al presente,e al nuovo Francesco che il fato mi ha regalato,per rendere la mia vita un pò migliore e più completa.
Dovrei fare un puzzle dei Franceschi,ognuno si incastra perfettamente da qualche parte,mi ha dato qualcosa di se.
Io sono tutta fatta da pezzetti di Franceschi sparsi trovati qua e là.

Iniziamo con ordine,come piace a me.

Francesco,il primo in assoluto.

I primi Franceschi li ho conosciuti a scuola elementare.
In classe mia ne arrivarono due il terzo anno di scuola elementare.
E tutti e due avrebbero segnato la mia vita per sempre.

Il primo,il primo Francesco è stato il pazzo.
Quel pazzo che giocava a fare il cretino e quando mi vedeva mi punzecchiava le spalle per chiedermi come stavo.
Quel pazzo che mi portò una foto di Gerard Way insieme a M.Shadows e mi disse che dovevamo assolutamente capire chi fosse.
image

Io e quel pazzerello eravamo amici,ma lui parlava poco con gli altri,veniva poco a scuola. Diventammo davvero amici solo quando in quinta elementare la maestra mi spostò dal banco alla destra della mia amica che aveva i pidocchi accanto a lui e all’altro Francesco.
Diventammo amici tutti e tre,ma come potevo diventare amica io con altri bambini,in modo trasparente.
Ma erano loro a non essere trasparenti.
Francesco D. finite le scuole elementari l’ho rincontrato dopo un annetto e siamo tornati ad essere amici.
La nostra amicizia è continuata con alti e bassi fino ai nostri sedici anni.
Franky,questo il soprannome che si era auto assegnato,si erano innamorato di me quando eravamo adolescenti,io lo amavo ma non riuscivo a rendere un azione il mio sentimento.
Ero piccola e avevo paura perche sua madre era molto protettiva con lui,ed avevo paura anche di lui perché era complicato,era cosi volubile. Ma io lo adoravo a Frank,mi aveva dato tutta la musica che mi salvava la vita giorno dopo giorno,mi aveva fatto prendere per la prima volta tra le braccia una chitarra elettrica,era la prima persona con cui avevo pianto per le brutte cose che mi facevano a scuola. Avevo pianto sulle sue spalle,che all’epoca mi sembravano tanto forti,perché era più alto di me,ma la sua anima non era più forte della mia. Dio,chissà che direbbe Franky se fosse qui adesso.
Se sapesse che ho tentato il suicidio sei mesi fa,cazzo,lui mi avrebbe tirato uno schiaffo per una cosa del genere e poi sarebbe scoppiato a piangere,come era solito fare quando vedeva quanto anche io odiassi me stessa. Quando vedeva i miei tagli,iniziava a tirarsi i capelli e incolparsi di tutto.
Quando lo vedevo cosi,pensavo di essere uguale a lui.
Lui soffriva del disturbo bipolare. Era iniziato tutto fin da sempre,era stato sempre cosi lui da quando lo conoscevo.
C’erano periodi che veniva a scuola a torturarmi con la musica nuova che ascoltava,e periodi in cui si assentava per mesi ed io mi chiedevo che fine avesse fatto. Una volta entrata a far parte della sua vita avevo conosciuto anche il lato ”oscuro” di Fra,ovvero i periodi in cui entrava in una depressione profondissima.
Ho cercato di fargli continuare la scuola,io che non ci andavo più ormai,la mattina mi alzavo e andavo a vestirlo e fargli la colazione (abitavamo nello stesso quartiere,pochi marciapiedi di distanza),senza la madre che era a lavoro lui era perso. Lo accompagnavo a scuola,poi andavo a riprenderlo e lo portavo a casa,passavo tutto il mio tempo con lui.
Gli ultimi mesi con il mio primo Francesco sono andati via cosi,nel buio più assoluto della sua stanza pitturata di blu,le finestre sempre chiuse ed io che non sapevo più che fare.
Il 7 Novembre di tre anni fa il primo Francesco della mia vita,forse il mio primo vero amico sincero,si è suicidato.
Se già prima stavo male per me,dopo la sua morte mi sono presa carico di tutto il peso della sua sofferenza e ho tirato avanti come potevo.
Non vado sulla sua tomba da un bel pò,tanto mi ero rinchiusa in casa che non pensavo nemmeno di andare a parlargli.
Dovrei farlo,metterlo al corrente di ciò che ho fatto di brutto recentemente e di quelle poche cose belle che sto facendo adesso come studiare. Lui sarebbe stato orgoglioso di me,sono sicura.
Avrei avuto bisogno del suo aiuto in questo momento,ma me la caverò lo stesso grazie agli altri Franceschi.
Per fortuna la vita non me ne ha dato uno solo.
Ma forse perché il primo,forse perché aveva gli occhi che si muovevano in sincronia con i miei,Franky resterà sempre il più importante di tutti.
image

Francesco,l’altro

L’altro Francesco che ho conosciuto a scuola elementare era anche lui un tipo abbastanza strano.
Faceva il pagliaccio in classe,adorava recitare,non mi stupirei di vederlo in qualche film,quel ragazzo sa piangere a comando come nessuno mai.
Mi rubava i biscotti al cioccolato,e poi il giorno dopo sua madre mi portava un pacco nuovo.
Quando mi umiliavano lui veniva e mi abbracciava come se niente fosse,come se noi fossimo destinati ad aiutarci in silenzio.
Come se ci fosse un accordo tra di noi che conoscevamo bene ma non potevamo dire.
L’ultimo giorno di scuola elementare mi regalò il suo portachiavi preferito a forma di pulcino (lo porto ancora sempre con me) e mi disse di non dimenticarlo.
Una volta finita la scuola elementare mi dimenticai di lui apparentemente,ma nel mio cuore un posto per lui era rimasto sempre tra i Franceschi.
Quando lo rividi qualche anno dopo mi resi conto che io ero innamorata di quel ragazzo e probabilmente lo ero sempre stata.
Ero in macchina con mio padre,fermi al semaforo,una mattina in cui mi accompagnava a scuola superiore. E lui camminava per strada accanto a sua madre.
Mi resi subito conto che era diventato altissimo,e il mio cuore scoppiò.
Da quel giorno,in cui avevo quattordici anni,lo rincontro ogni anno.
È una delle cose che aspetto di più di tutto l’anno,è la mia festa preferita,solo che il giorno cambia,è una cosa imprevista.
Io arrivo sempre impreparata e alla fine non gli parlo mai.
L’ho visto molto da vicino un paio di anni fa nel negozio di surgelati del nostro quartiere,e ci ho scritto anche un articolo su questa visione paradisiaca di un paio di anni fa. Adesso me lo vado a rileggere cosi mi ritorna in mente. Ah,per quante notti l’ho sognato. Sogno sempre il nostro abbraccio. Ritrovarsi. Due anime divise da dieci anni che devono ritrovarsi.
Ero fidanzata con France,l’altro,il tedesco,un paio di anni fa,per questo non gli ho parlato.
Poi l’ho rivisto,quest’estate. Era ancora più alto,la barbetta e i capelli più lunghi. Mi ha fatto un impressione assurda,assomigliava cosi tanto a France quello che abita in Germania che quasi svenivo.
Non scherzo,ero in giro con mia sorella Laura (caso strano anche nel negozio di surgelati ero con lei,dovrei uscirci più spesso con Lallina xD) e ci siamo fermate perché vedevo tutto girare. Già ero pazzarella quest’estate,e adesso ogni volta che ripasso da quell’incrocio mi aspetto di rivederlo.
Ogni volta che passo dal negozio di surgelati,getto uno sguardo dentro quasi automaticamente per vedere se c’è.
Quei posti sono saturi di lui.
Quanto vorrei parlargli,lo cerco di dieci anni,vorrei sapere se mi sono sognata tutto o no.
Ma poi sono giunte complicazioni (sotto lo stesso nome) perciò ho perso un po la rotta.
Lui rimane il mio sogno nascosto.
Chissà se si ricorderebbe di me se lo chiamassi. «Francescooo!!!».
Il nome che sono destinata a gridare all’infinito.

Francesco,mio cognato

Contemporaneamente negli anni della scuola media ho conosciuto altri due Franceschi importanti per la mia vita.
Il primo è mio cognato.
Il fratello maggiore che non ho mai avuto. Cioè,voi lo sapete,un fratello maggiore c’è l’ho ma è una merda,perciò preferisco di gran lunga mio cognato. Poi è un Francesco,come si può non preferirlo?
Occhioni azzurri,e simpatia a palla,mio cognato è una delle persone più belle che conosco. È paziente. Con mia sorella,con la bambina,con tutti. È quello che dalle mie parti si dice «un pezzo di pane».
Lavora,ama incondizionatamente sua figlia. Quando lo osservo guardare sua figlia vedo l’amore infinito nei suoi occhi,è una cosa bellissima. Le ha costruito una casetta stupenda per giocare. Darebbe la sua stessa vita per lei.
Mio cognato. L’uomo che mi ha portata al mio primo concerto.
Thirty Seconds To Mars,Rock in Roma,2014.
image

Una notte a Roma,siamo stati solo io e lui perché mia sorella era incinta. Mi ha portato all’Hard Rock Cafè,mi ha fatto fare un pranzo da regina. Gli ho sempre voluto un bene dell’anima a mio cognato,forse nei momenti bui della mia vita l’ho trascurato,ma lui sono certa che sa che gli voglio sempre bene. Gli ho regalato una spilla della nostra band preferita qualche settimana fa,e l’altro giorno l’ho vista attaccata al suo giubbotto.
Abbiamo qualcosa che ci unirà per sempre,quella notte a Roma a cantare a squarciagola From Yesterday.

Francesco,il genio che mi ha teso una mano

Anche se ha fatto parte della mia vita per soli tre anni (quelli delle medie,eravamo compagni di classe) anche questo Francesco è stato importante a modo suo per me.
A volte mi dimentico perfino che si chiama Francesco,perché lo chiamavamo tutti Pio,che è il suo secondo nome.
Come Padre Pio,lui si chiama Francesco Pio.
Pio era il classico piccolo genio della classe.
Oltre ad essergli eternamente grata perché mi ha aiutata in matematica all’esame di terza media,gli sarò grata per sempre per quella mano che mi ha teso.
L’ultimo anno di scuola media sono stata vittima di bullismo,e un giorno mi ritrovai alla fine delle lezioni sola in classe contro il muro dopo che ero stata umiliata. Pio è tornato indietro e l’ho visto venirmi incontro. Mi ha teso la mano e mi ha aiutata ad alzarmi.
image

Non dimenticherò mai questo suo gesto,è stato l’unico a fare qualcosa per aiutarmi tra i compagni di classe quando ero in quella situazione,era l’unico a darmi ragione.
Che io sappia poi è andato allo scientifico Francesco,sono certa si sia diplomato con cento e lode e spero adesso abbia iniziato Medicina.
Degli altri miei compagni,quei bastardi che non hanno fatto che ridere delle mie umiliazioni non spero nulla,ma da Francesco mi aspetto di ritrovarmelo a fare il medico all’ospedale.
Magari una prossima volta che starò male sarà lui a curarmi,mi farebbe molto piacere vederlo realizzato…almeno a lui xD

Francesco,il Criceto tedesco

Un altro Francesco importante per me è il tedesco,questo è ovvio,lo conoscete bene ormai.
L’avete conosciuto come Colui che non deve essere nominato quando ancora mi vergognavo di pronunciare il suo bellissimo nome,poi l’avete conosciuto come Criceto,Criceto tedesco o Criceto saggio,infine ho dovuto ammettere a me stessa,che si,anche lui si chiama Francesco.
Sapete,quando mi disse il suo nome io reagii malissimo,chiedeteglielo un po.
Gli feci pesare la cosa. Quasi gli chiedevo di cambiare nome xD
Mi sembrava impossibile che potesse accadere una cosa del genere.
Franky s’è n’era andato da pochi mesi,e l’arrivo di un nuovo Francesco mi aveva completamente spiazzata.
Come è ormai ovvio,mi sono innamorata anche di lui.
Mi innamoro di tutti i Franceschi,guardate che appena ho visto mio cognato (non era ancora fidanzato con mia sorella,era solo un amico di mio fratello al suo matrimonio) sono rimasta colpita dalla sua bellezza,poi la cosa è finita li. Non che dentro sia una brutta persona mio cognato,anzi,ma non mi piaceva a me.
A me piacevano altri Franceschi.
Francesco….Francesco mio caro siciliano. Ah,forse lui è quello che ha la voce più bella tra tutti i Franceschi della mia vita,con quell’accento siciliano suadente.
È anche il più simpatico,il più scemo e il più furbetto di tutti.
Io e lui ci siamo trovati perché siamo due facce opposte della stessa medaglia. La nostra medaglia si chiama; disturbo mentale.
Sulla mia faccia c’è scritto: disturbo di personalità antisociale.
Sulla sua faccia c’è scritto:depersonalizzazione.
Ma infondo,siamo pappa e ciccia.
Appunto,Ciccio. Ciccio Bello 😉
Anche lui come ogni Francesco che si rispetti è altissimo (solo mio cognato non è altissimo tra i Franceschi).
Lui attualmente,con il posto di migliore amico,è il Francesco principale della mia esistenza,e sento che sarà difficile togliergli questo posto.

image

Francis,l’ultimo ma non per importanza

È ultimo solo in ordine di arrivo. Ma secondo me invece la cosa è positiva che sia l’ultimo che ho conosciuto.
È quello nuovo nella cerchia.
L’ho conosciuto circa quattro mesi fa,qui su WordPress,quindi devo dire che anche il mio ritorno al blog era una cosa destinata a farmi bene se mi ha dato l’opportunità di conoscere questa bellissima persona.
Grazie a lui ho fatto il corso di scrittura e ho socializzato per un po,poi lasciamo perdere che la mia antisocialità ha prevalso,lui mi ha aperto comunque un mondo che non conoscevo.
Se ho bisogno di un consiglio lui c’è sempre,ed io penso di essere la persona con cui lui può sfogarsi sempre.
Anche noi siamo simili,abbiamo passato quelle sofferenze.
Ci definiamo zio e nipote. Perché lui ha la stessa età di mia madre.
Potrebbe davvero essere mio zio,uno di quelli che mi mancano.
Anche se non abbiamo un legame di sangue le somiglianze dell’anima vanno oltre,perciò io e Francis siamo legati.
Ripeto,non so quanto durerà,spero il più possibile.
Come ogni volta che incontro sulla mia strada un Francesco,spero che resterà nella mia vita il più possibile,perché è sempre utile avere un Francesco a portata di mano.
Ma uno di quelli davvero Franceschi eh,non un Francesco taroccato.

Ripeto che ho voluto riscrivere questo articolo proprio per l’ultimo Francesco che ho conosciuto,e se in futuro ne conoscerò altri importanti (ormai sono certa che accadrà ancora xD) aggiornerò nuovamente questa magnifica lista.

Cos’è per me un Francesco?

Per me Francesco è il mio passato,il mio presente e il mio futuro.
Francesco è tutto,la mia vita.
Decidete voi di quale Francesco sto parlando adesso 😉

image

Se avrò un figlio un giorno lo chiamerò Francesco,ormai ho deciso.
Anche se il padre sarà Francesco 😀

Annunci

16 risposte a "Franceschi"

  1. Essendo parte in causa posso esimermi dal fare un commento? Certamente no. Per cui la prima cosa da dire è che mi ricorda un racconto di Giuseppe Marotta, l’autore de “L’oro di Napoli” quando ricordava la sua infanzia e la sua giovinezza. La seconda è che vi si leggono, a tratti, righe di profonda sofferenza unite a tanta dolcezza. La terza è personale, anche troppo: mi fa tanto piacere essere nella lista, e posso rassicurare Valentina che – per quel che mi riguarda – la mia amicizia, il mio sostegno non lo farò mancare mai. Le voglio troppo bene e, insieme a Mario Mori e Lorella Ronconi, è una di quelle persone rare, preziose più di tutti i tesori di Re Salomone: la vita non mi ha dato ricchezze, ma mi ha concesso di conoscere persone speciali.

    Piace a 2 people

    1. Bonjour madmoiselle 😉

      I Franceschi sono la legenda della mia vita,e non,non mi sono sbagliata a scrivere xD
      In base al Francesco si capisce molto su di me,che cosa strana.
      Meglio conoscerli tutti altrimenti si fa confusione,anche se è probabile farla lo stesso 😀

      Mi piace

  2. Molto bello questo post…che dire, una lista interessante…”È sempre utile avere un Francesco a portata di mano…” ahahahah. Non sapevo fosse il protettore dei Commercianti…utile a sapersi…È sempre utile avere PLCE4MYHEAD a portata di mano!!! un abbraccio!!! fammi sapere cosa pensi dei miei blog!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...