Voglio combattere il bullismo

Cari lettori,

Non so quanti di voi conoscano la mia esperienza con il bullismo.

È una storia vecchia,avevo tredici anni quando ne sono stata vittima,ma la cosa l’ho trascinata fino ai giorni nostri.

Questo diciamo che è il problema fondamentale.

Il mio non essere riuscita a superarlo.

Credo di averne scritto da qualche parte,forse non approfonditamente perché mi fa abbastanza male,ma da qualche parte l’avrò per forza scritto.

Perché? Perché è una di quelle cose che mi hanno rovinato la vita.

È stato il punto di partenza del mio autolesionismo e via discorrendo..

Ad Agosto scorso ho conosciuto un mio grande amico,tramite questo fattaccio.

Ho scritto per lui,sul suo blog che parla di bullismo,la mia storia.

Già dal titolo si capisce che è opera mia,insomma le solite tragedie che scrivo.

Questa però è tutta storia vera. Questo è lo schifo.

Avevo promesso al mio amico,che quando ne avrei avuto la possibilità logistica,avrei voluto dargli una mano col blog.

Perché? Perché voglio fa qualcosa.

Voglio aiutare chi sta soffrendo delle stesse cose che ho vissuto io,o peggio.

Ecco,la logistica si è risolta qualche settimana fa con l’arrivo di Zanna Bianca (non il cane,ma il nostro nuovo computer,non chiedetemi perché l’ho chiamato cosi xD) e quindi mi sono unita alla squadra contro il bullismo.

Siamo solo io e Francis Allenby,ma siamo una perfetta squadra anche in due.

Adesso sto lavorando a questo nuovo blog nel quale sono subentrata.

Ci sto mettendo passione e tempo perché è un tema a me caro.

Perciò vi invito a seguirmi anche di là se vi va.

Questo è il blog!

Insieme ad altri blog contro il bullismo stiamo mettendo su un Net per combattere in modo più efficace questa terribile piaga che affligge la nostra società.

Spero di fare qualcosa di utile ragà.

Io sono abbastanza inutile in quanto ameba autosufficiente.

Ma se inizio a pensare agli altri magari divento meno inutile.

Vorrei porgere la mia manina piccola e screpolata a qualcuno che ne ha bisogno.

Io so. So tutto quel dolore che si attraversa.

Lo possiamo attraversare insieme invece che da sola come ero io all’epoca.

Se qualcuno di voi,cari i miei blogger,è interessato a combattere il bullismo sul proprio blog,me lo dica pure.

Sapete dove trovarmi.

Nella pagina Contatti c’è la mia mail,e qui sotto nei commenti.

Se avete idee,suggerimenti,consigli o se semplicemente siete vittime di bullismo e avete bisogno di un conforto e di un sostegno….

….SCRIVETEMI.

Nessuno verrà lasciato da solo.

Vi voglio bene,

Un abbraccio virtuale,a tutti.

Annunci

90 risposte a "Voglio combattere il bullismo"

  1. Cara Valentina. Quello che facciamo, in realtà, e lo sai bene, lo stiamo facendo sorreggendoci, letteralmente, a vicenda: quando si intraprendono queste battaglie è difficile trovare qualcuno che ti supporti davvero, fino in fondo. Io ho trovato te, come un cucciolo ferito, mentre io, selvaggio lupo anziano e isolato, pieno di cicatrici, ti ho adottato, come in un libro di Jack London. Posso confermarlo: non passa mai. Non passa più. Non si guarisce. La vittima resta tale per il resto della vita: è il suo ruolo. Proprio per ribellarci a questo abbiamo deciso di far sentire il nostro richiamo, quello degli isolati dal branco. Perché, che lo si accetti o meno, anche noi abbiamo la nostra voce, anche noi soffriamo ed abbiamo un’anima, anche noi abbiamo diritto ad esistere. Ti abbraccio.

    Liked by 1 persona

  2. Questo tuo post mi ha fatto tornaare in mente la storia i un mio ex compagno di scuola che veniva emarginato. Alcuni compagni lo ritenevano stupido, anche se lui aveva un’intelligenza speriore. Un bel giorno questa persona decise di avventurarsi nelle radio private (allora si chiamavano così) i genitori degli altri compagni “perbene” tutta casa, scuola e oratorio, dissero ai figli di non frequentare quella bruta persona perchè “uno che va nelle radio è sicuramente un tossico” e così fecero. Per farla breve, il mio ex compagno di classe oggi è diventato qualcuno, si è fatto una posizione. Alcuni dei ragazzi che lo avevano emarginato sono finiti nel mondo della droga. Qualcuno e anche morto. Lui non si è mai perso d’animo e ha vinto la sua personale battaglia. Questo è l’insegnamento che mi ha lasciato. Nel mio piccolo cerco di essere come lui, non come gli altri ex compagni. Ciao

    Liked by 1 persona

  3. Mia figlia Rebecca, dislessica, conosce bene, il bullismo.
    Abbiamo lottato insieme.
    A catechismo, io, presento alcuni video che si trovano su YouTube. Perché è necessario parlarne. Il più possibile.
    Ottimo inizio Vale.
    M’iscrivo. Queste iniziative son sempre da condividere ed applaudire.
    Buon sabato con abbraccio energetico, incluso❤️

    Liked by 1 persona

    1. Ti ringrazio di cuore per l’abbraccio e per esseri iscritta.
      Anche mia madre ha combattuto per me e per gli altri suoi due figli che hanno subito bullismo,ma purtroppo secondo me l’ha fatto nella maniera errata perché…non aveva gli strumenti adatti lei per capire. Si arrabbiava e sputava odio verso chi ci faceva del male e basta.
      Non le do colpe,lei mi ama,solo che non aveva gli strumenti per combattere una cosa del genere.
      Sono certa che tu sai come fare invece.
      Mando un abbraccio a tua figlia,ho letto di lei sul tuo blog,e dev’essere dolcissima :3
      Credo di non essere poi tanto più grande di lei 😀
      Mi raccomando,combattiamo sempre! ❤

      Mi piace

      1. Vabbè io ero un bulletto speciale… davo onore ai meriti… trovarne come me… ovviamente i bulli hanno problemi,’perché cazzo pensi scarichino là propria frustrazione sugli altri?! Poi qualcuno veramente sadico che lo fa per divertirsi c’è per carità…

        Liked by 1 persona

      2. Ho conosciuto gente frustrata,e mi è dispiaciuto per loro.
        Ma c’è anche gente annoiata, che…so peggio dei sadici.
        Ti usano come un gioccattolino per divertirsi.
        È bello essere la marionetta di uno che non ha uno scopo nella vita guarda…
        ….posso capire te che lo ammetti pure ma…certi sono solo da bruciare vivi,con tanto affetto ❤

        Liked by 1 persona

    1. Ciao Daniele! Ho appena letto proprio quel tuo ultimo articolo che parla di ciò,volevo rebloggarlo ma ci metterò un po per problemi tecnici…

      …comunque mi piacerebbe tantissimo che ci aiutassi (Al blog non faccio capo solo io).
      Ti piacerebbe scrivere articoli per noi o magari entrare a far parte del NET con il tuo blog? 🙂

      Mi piace

      1. Ciao Valentina! faccio quello che vi fa più piacere, basta che vi sia di aiuto. Anche questo tema mi sta molto a cuore, visto che per un mese ho insegnato al liceo e quindi mi piacerebbe ancora aiutare gli adolescenti in qualche modo. Fammi sapere, tu ordini, io eseguo! 🙂

        Liked by 1 persona

  4. Purtroppo il bullismo non termina col finire della scuola. E’ una piaga che ti porti per sempre sulle spalle, come un enorme masso. Ho sofferto e soffro ancora per il bullismo che ho subito. Nel mio piccolo ho cercato di aderire e aiutare qualche piccolo progetto per combattere questo fenomeno, ma sento come se non riuscissi mai a fare abbastanza.

    Liked by 1 persona

    1. Sono passati sei,sette anni,ed ancora ne soffro attivamente,perciò capisco perfettamente.

      È difficile fare abbastanza,io sto facendo questo passo ma non è che “un passo”.
      Dovremmo fare tutti un passo perché le cose migliorino,ma in molti non fanno che passi indietro.
      Noi facciamo il nostro,ok? Non sentirti in difetto,non sei l’unico che combatte.
      Stiamo uniti ❤

      Liked by 1 persona

  5. Ottima iniziativa. Devo dire che da ragazzo, alle scuole medie, più di una persona ha provato a bullizzarmi. Ciò che mi ha salvato è stata la mia fisicità che in più di una occasione mi ha consentito di risolvere le questioni con i pugni e con le risse da cui uscivo spesso e volentieri vincitore. Ma era una battaglia continua. Conto di seguirti!

    Liked by 1 persona

  6. Il bullismo purtroppo c’è sempre stato.
    Quando frequentavo le medie c’erano tanti di quei bulli in classe che metà bastavano.
    Purtroppo il bullismo è presente perchè il problema sta alla radice. la famiglia del ragazzo che pratica bullsimo è disinteressata completamente nell’educare il proprio figlio al rispetto altrui e alle discpiline scolastiche.

    Liked by 1 persona

  7. il problema è molto serio ma tutto ciò che in qualche modo tenta di contrastarlo deve essere accolto con grintoso entusiasmo, quindi complimenti per l’iniziativa.

    visto che sono qui… esprimo una opinione in merito, personalmente sono poco propenso a considerare il bullismo lo spurgo di una società fagocitata da una eccessiva dinamica, non credo nemmeno alle logiche assurde delle nuove metodologie educativo/formativo

    i bulli imperversano indisturbati per il percolato prodotto da due cause base:

    1) i genitori con la coscienza sporca e quindi ricattabili, non hanno più nessuna autorità né autorevolezza, ai miei tempi un ceffone ben assestato valeva più di 1000 Montessori, soprattutto perché mia madre mentre me lo appioppava mi guardava negli occhi scavandomi l’anima

    2) la tolleranza e l’indulgenza oltre ogni ragionevole limite producono mostri, non vi è più giustizia capace di punire i minore, non vi è più una barriera psicologica in grado di frenare tendenze negative

    morale… far crescere le nuove generazioni nella totale impunità significa creare mostri senza valori, senza paure, senza umanità, dove non vi è lungimiranza non vi è futuro

    chiedo scusa se sono stato prolisso
    complimenti per il blog

    Liked by 1 persona

  8. Ciao. Io sono stata vittima di bullismo una sola volta, anche adesso ricordo questo brutto episodio in cui la bulla voleva picchiarmi, e un amico di mio padre mi ha difeso. Il brutto non è stato tanto questo episodio, quanto il fatto che io non potevo condividere a casa ciò che mi era capitato, perché mio padre avrebbe presa la cosa molto male, e la bulla avrebbe fatto davvero una brutta fine. A me la violenza mi ha sempre spaventata, e cosi non ho mai raccontato niente. In cambio, ho subito da sempre una violenza latente, per tutti gli anni della scuola, l’emarginazione. Forza, si può uscire anche da questo buco, anche più forte, fatti seguire dalle persone giuste, per un po’ di tempo e vedrai che la tensione provata per molti anni inizierà a mollare la presa. Ricordati che i bulli, fanno una brutta fine sempre . . . tu invece sei qua con un coraggio immenso a raccontare e chiedere aiuto, lui porello . . . . . . . .

    Liked by 2 people

    1. Ciao cara,e benvenuta da queste parti.
      Anche io avevo paura a raccontare a casa ciò che mi facevano perche i miei genitori,soprattutto mia madre,sono un po “violenti”,è un lungo discorso ma mia madre non conosce altro modo se non quello violento per difendere i propri figli.
      Infatti quando poi, distrutta,raccontai,lei andò a scuola a fare un casino e vidi una delle due bulle piangere.
      E poi l’umiliazione subita mi ha fatta stare ancora peggio.
      Emarginazione da parte degli altri ed autoemarginazione….
      Adesso cerchiamo di combattere questo fenomeno,anche se è complesso e si dirama in più ambienti e tipi…

      Grazie del tuo commento ❤
      Forza! 😉

      Mi piace

      1. Questo mese mi impegnerò a seguire le differenti pratiche per aprire un’associazione contro il bullismo. Io sono di Torino, tu? Te ne farò sapere come andranno le cose, anche da lontano possiamo unirci e combattere. Ti interessa la cosa? Per i nostri figli abbiamo il dovere di combattere questo cancro. Grazie. Continua a diffondere la tua esperienza, chissà se non cambierà qualcosa in meglio

        Liked by 1 persona

      2. Io sono di Taranto. E come ho scritto nell’articolo io e il mio collega del blog contro il bullismo stiamo organizzando qualcosa per unirci contro il bullismo.
        Prima di dirti qualcosa devo chiedere a lui,ma comunque ti auguro buona fortuna! ❤

        Mi piace

  9. so cosa provi, sono stata vittima di bullismo a scuola per anni, odiavo la scuola e ancora oggi ho difficoltà ad entrare in un istituto scolastico, ho odiato i miei docenti perché indifferenti e complici. ho sofferto perché a casa i miei genitori vittime anche loro in modo diverso di bullismo da giovani non mi capivano, mio padre reagiva con l’indifferenza chiudendosi in se stesso come aveva fatto da giovane suppongo, mia madre invece dopo aver subito anche lei angherie e denigrazioni da familiari e non ha reagito nel modo peggiore trasformandosi essa stessa in carnefice ma non contro i miei bulli ma contro le vittime più facili, cioè i suoi figli. meccanismi psicologici difficili da sconfiggere, diciamo che ognuno nella mia famiglia è “pazzo” a modo suo. ho desiderato per anni di non esistere così nessuno mi avrebbe visto e preso in mezzo. avevo come unico scudo i libri e la chitarra (che mi facevano essere ancora più “diversa”). la scuola è finita e poi è arrivata la depressione diagnosticata, non si può resistere per sempre ogni tanto si deve cedere. da allora sto facendo un cammino difficile durissimo e lacerante per sistemare un ad uno i miei demoni, familiari e non, ma ancora oggi a distanza di anni e terapie e lavoro psicologico ne sento ancora gli strascichi nella mie insicurezza, nella mia assenza di autostima, nella mia ricerca di riscatto (verso chi? cosa?), non finisce mai se a diventare il carnefice sei tu stesso e per uscirne serve davvero tanto lavoro scavando e mettendo le mani e la faccia dentro la merda che ti faceva male per uscirne davvero rigenerati.

    Liked by 1 persona

    1. La tua storia mi ha toccata.
      È molto simile alla mia.
      Io ho abbandonato la scuola,e dopo sono usciti fuori come coriandoli tutti i demoni ed ora sono in cura…
      …purtroppo anche i miei genitori non hanno affrontato nella maniera migliore il problema,non come i tuoi però.
      A volte mi chiedo per un genitore quale sia la reazione più giusta da dover avere? Come affrontare il bullismo?
      Ogni maniera mi sembra errata o inefficace :/

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...