Date dell’amore a quella povera Tappa!

Così m’ha detto sabato mattina il dottore del centro diurno.
Ok,non proprio cosi,ma il senso era quello.
Mi ha stupita il fatto che un uomo abbia compreso cosi bene questa mia esigenza quando nessun altro l’aveva mai avvertita cosi palese com’è in realtà.

Ero andata a parlargli solo per avvisarlo che salivo sopra e non sapevo quando mi sarei sbrigata (infatti mi sono persa il laboratorio purtroppo),e lui mi ha chiesto che avevo ‘’Una faccia strana’’ sembrava avessi.
Mi sentivo solo un pò assonnata.
Gli ho spiegato senza volerlo,rispondendo domanda dopo domanda,cosa era accaduto.
Lui è rimasto molto dispiaciuto che non avessi chiesto aiuto a lui.
Io gli ho spiegato che nella mia testa lui è il tizio che mi spiega come risolvere i conflitti che nascono nel centro,mentre lo psichiatra e la psicologa si occupano del mio malessere personale.
Ma immagino che si,aveva ragione,quando uno vuole morire non c’è figura che possa aiutarti da distinguere.
Non posso dividere il mio mondo in compartimenti stagni,è normale che le cose si mescolino tra di loro.
Anche se io continuo ad essere scettica a riguardo.

Allora abbiamo esaminato assieme le mie ultime delusioni,in campo dell’amicizia e dell’amore mai nato.
Lui è una persona che non mette in mezzo i farmaci più del dovuto.
Il mio tracollo per lui è stato conseguente a queste delusioni sommate tra di loro,che hanno trovato spazio in una mente non protetta dai farmaci.
Ovviamente prima di queste delusioni da parte della specie umana,ho nominato lui il fatto che fossi molto delusa da me stessa e disperata per il fatto che non riuscivo più a studiare.
Lui allora mi ha offerto tutto il loro aiuto possibile.
Sia nello studio che nelle questioni d’amore.
Che attualmente non esistono,semplicemente.
Non al centro,nel mio cuore magari…si.

Il dottore dice che alla mia età le mie aspirazioni sono la realizzazione personale e l’amore.
Ed io in emtrambi i campi sono un disastro che si disastra ancora di più e sempre più!!
La promozione dell’anno scorso al terzo anno di liceo è diventata non solo inutile ma controproducente.
Vai a capire come ragiona storta la mia mente.

Devo coltivare le mie passioni,ha detto.
Qualcuna resterà nella mia vita per rendermi felice.
Qualche altra magari diventerà il lavoro con cui mi guadagnerò da vivere.
Tra le mie passioni tutti sappiamo che c’è anche l’amore.
Ma fino a questi miei venti anni non ho potuto che guardarlo da lontano,come un bimbo fissa con gli occhi lucidi d’agognato giocattolo di una vita.
E non credo l’amore sarà come quella fottutissima casa di bambole che chiedevo alla mia famiglia da quando ho memoria di esistere e che mi hanno regalato tardi,motivo per il quale ho continuato a giocarci anche finite le elementari (FuCk!).

Ma no. No,no,no! Non voglio che l’amore per me sia cosi.
Che schifo…che devo trovare qualcuno che mi ami a settant’anni?
Ho paura di perdermi tutto.
L’amore,i piccoli gesti quotidiani.
L’affetto che vorrei qualcuno mi donasse per poter aprire il mio cuore e donargli affetto inifinito.
L’accettazione,la pazienza,la felicità solo di poter vedere un concerto in dvd insieme sul divano,mentre io mi alzo e canto assieme al cantante di turno,di fronte a quello che immagino sarà mio marito.
Davanti ad uno che non mi ha giurato fedeltà eterna non potrei mai umiliarmi tanto,già chi ti sposa può tradire la tua fiducia e la vostra promessa,figuriamoci un estraneo.
Vorrei anche provare l’amore fisico,quello che più di tutti sento mi deluderà e distruggerà qualsiasi amore vero potrebbe esserci tra me e un ragazzo.
Eppure è nella lista delle cose che devo fare prima di morire o almeno rassegnarmi a vivere per non far soffrire nessuno,quindi vorrei rispettare la stupida lista.
Ma più di tutti è l’amore vero a spaventarmi.
Ovviamente ho poche speranze di trovarlo,qui da queste parti.
E dopo il primo immenso rifiuto,ho paura di essere rifiutata sempre e comunque,pure ovunque.
Per ora a rifiuti seri siamo a quota due.
Francesco e Damiano.
Almeno quest’ultimo non me l’ha detto in faccia,ma la cosa è arrivata al mio orecchio tramite Pietro che gli aveva chiesto se era interessato a me.
Lui ha risposto che non sono il suo tipo.
Minchia,il dottore ha detto che purtroppo è proprio cosi.
Mi ha detto che me l’ero cercato uno proprio all’opposto di come sono io.
Ed io gli ho spiegato la sensazione di tranquillità e di un futuro semplice ma in pace che mi faceva prospettare.

La disperazione porta anche a ciò,a sentirsi attratti da chi pensiamo possa renderci la vita più confortevole.

Su questo sono d’accordo,e rispecchia pienamente quell’affetto quasi forzato che provavo nei confronti di Damiano.
Non che ora non gli voglia più bene,passato l’astio per il suo non considerarmi alla sua altezza (è lui a non essere alla mia,ttt!) adesso sono in pace con lui.
E sono contenta,come ho detto anche al dottore,che lui non si sia accorto di tutto questo trambusto.
Cosi ho evitato una figura di merda con lui e l’imbarazzo che ne sarebbe derivato per chissà quanto tempo.
Invece in questo modo mi sono messa il cuore in pace riguardo a lui e basta.
Pietra sopra al nome di Damiano.
Non è il mio destino.
Chiuse le scommesse nei suoi riguardi il mio cuore e i miei occhi sono tornati a guardare in alto,sopra al mio letto.
Ci guardavo al contrario,ma eravamo sempre riconoscibili.
Queste due figure robuste con sta cazzo di collana con l’ancora.
Si,ho ripreso a guardare Francesco,e me.
Ho sbuffato chiudendo gli occhi rassegnata.
Non credo di avere alternative.
Non potrò mai innamorarmi di nessuno o iniziare una storia seria se prima non metto la parola fine alla mia personale Odissea assieme e alla ricerca di France.
L’unico modo perchè il mio cuore si metta in pace è dirgli quelle cose che mi tengo dentro da un paio d’anni,faccia a faccia.
Se gli scrivessi una lettera lui piangerebbe,penserebbe di aver perso l’unica amica che aveva e mi risponderebbe dovutamente ‘’Mi dispiace,Tappa…’’.
Quanto vorrei che lui…ma se non mi amava quasi quattro anni fà quando eravamo fidanzati,come potrebbe amarmi adesso che siamo poco più che due conoscenti con un passato in comune di dimensioni gigantesche?
Oh,se lui mi amasse…
Scalerei anche i monti per renderlo felice.
Mi aggrapperei alla sua gonnella (gonnella? Si vede che sto indillissata xD Se France sapesse che me lo sto immaginando in gonnella!) e mi trascinerei assieme a lui per tutta la vita.
Non via,avete capito bene. Vita.

Per lui arrancherei all’infinito,perchè è la mia fonte di vita.
Ma sarebbe più che favolostico pensare che possa diventare realtà questo.
Intanto io mi preparo le cose da dirgli,magari gliele leggerò ad alta voce,e cerco di raccimolare qualche lira per ficcarmi in un aereo o treno per la Germany.
Cara,odiata,adorata,odiosa Germania.
Quando mi stai sul cazzo.
Non ti voglio vedere proprio.
Se vengo guarderò solo Ciccio e Pedro,tu non mi interessi per niente.

Cosa accadrà se mi tronca tutto?
Che rimarrò ufficialmente senza amici,e il mio cuore non potrà più curarsi di una ferita cosi profonda.
Ho paura,mi dico che non ne vale la pena da anni.
Ma ora non ho più molto da perdere.
L’unica cosa che ho da perdere è lui,ma anche cosi sto rischiando di perderlo,e perdere me stessa con lui.
Perciò credo sia davvero ora di alzare i tacchi e andare in terra tedesca.

Qui c’è un ragazzo che mi sta simpatico,che mi piace,che almeno mi parla a differenza di Damiano.
Ma non è Francesco. Non credo il mio cuore potrà mai accettarlo se lui mi vorrà.

Credo semplicemente di essere pazza.

5 risposte a "Date dell’amore a quella povera Tappa!"

  1. Nessuno è in grado di darci amore se noi per primi non lo facciamo.. sembra una frase fatta, ma siamo noi i primi a doverci convincere che quell’amore lo meritiamo e a donarcelo incondizionatamente

    Piace a 1 persona

  2. Questo dottore è una forza! 😀 L’amore crea delle disperazioni a tutti, il punto è il modo in cui decidiamo di affrontarle: segui il tuo istinto e rischia altrimenti non saprai mai e non riuscirai mai a liberartene, nel caso di sconfitta.

    Piace a 1 persona

    1. Io sono quel tipo di persona che le vive drammaticamente le disperazioni 😥
      Non è facile cambiare,ma anche quella presa di posizione per me è una cosa drammatica…che prima o poi dovrò fare.

      Comunque,sono felice che qualcuno apprezzi il dottore come lo apprezzo io. Ho trovato qualcuno che è una forza e mi aiuta a trovare la mia! Ne volevo cinque o sei cosi xD

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...