Propaganda Lamentista

16 Novembre 2018

Sono giorni strani.
Stanno passando,ma si stanno ripresentando quando mi sveglio al mattino.
Sono proprio giorni strani.

Mi sento come se avessi un virus,sento nel sangue e nella mente circolare ‘’cose’’ non mie.
Pensieri,convinzioni,odio,disperazioni.
Del tutto diverse dal mio solito.
Sento che c’è qualcosa che mi ha sconvolta profondamente,cosi tanto che nemmeno mi sono accorta che era quell’evento di per se a farmi tanto male fino a distruggere alcune delle fondamenta che avevo fondato in questi ultimi anni (o mesi,o settimane o giorni,il tempo conta poco ormai).

Da quando è uscito Simulation Theory (il nuovo album dei Muse) mi sembra di essermi troppo immedesimata nella sua musica,parole e immagini.
Ho messo la copertina dell’album (carina,per la prima volta ci sono i Muse,loro tre proprio,e mi fa sorridere vedere il muso da nutria di Matt Bellamy) dappertutto.
Come sfondo per scrivere,come sfondo del pc.
Ovvero i due posti che frequento di più in vita mia.
E quindi sono sempre lì loro tre a guardarmi,ed io a guardare accusandoli la scritta ‘’Muse’’ in rosa.
Rosa,Matt? Sei certo di quel che hai fatto?
Tralasciamo che io,tua fan numero 0 odia profondamente questo colore,ma con voi che centra il rosa.
Si,ok,ammetto che si intona con il ‘’manga’’ della copertina,ma boh…mi fa comunque sorridere imbarazzata.
Per la prima volta in vita mia mi sono sentita imbarazzata per i Muse,per Matt in persona.
E non parlo del rosa della scritta,pazienza dai.
Parlo di una delle canzoni dell’album.
Più Disney di Revolt,più incomprensibile per la mia mente di canzoni come Neutron Star Collision (lei aveva tutto un suo perchè s’esistere).
Get Up and Fight.
Parlo proprio di lei.
Già il titolo mi sembra una di quelle puttanate che scrivo per me stessa cercando di darmi forza di lottare quando ero completamente infangata nell’autolesionismo.
Proprio,quindi,lasciamo perdere il titolo oscenamente infantile,ce ne sono altri nella carriera dei Muse,ma poi oltre al titolo c’era qualcosa di incredibile.
Di per sè è incredibile questa canzone;è incredibile quanto mi dia fastidio alle orecchie.
La voce di Matt mi fa soffrire,perchè a sentirla con quella vocetta da canzone di Justin Bieber,mi fa male dentro.
Una pugnalata.
Eccerto che poi mi alzo e combatto.
Ma contro questa canzone,non pensiamo chissà a che.

Oltre a Get Up and Fight devo dire che ultimamente mi stanno dando un enorme fastidio cose assolutamente inutili e futili.
(Aspetta,la sto ascoltando. Ok,la voce di Matt mi commuove perchè lo adoro ancora,nonostante questa porcheria attorno)
Devo -di colpo!- essere diventata suscettibile.
(Ma stai zitta Miss Permalosità 1998-2018 !!)
Mi sa che sono in pool position per vincere il titolo anche nel 2019 se andiamo avanti di questo passo.

La tirocinante della psicologa.
Tutti quelli del centro diurno e il centro diurno in sè.
Lo psichiatra. I miei genitori.
La mia famiglia.
Lo psichiatra.

Questa era una somma lista di ciò che mi sta rompendo le palle ultimamente.
Ok,lo so. Fermi tutti.
Sono la prima ad essere profondamente turbata dal fatto che nella lista ci sia anche lo psichiatra,e immagino chiunque ne sarà turbato quanto me.
Ma c’è una spiegazione anche a questo,purtroppo.
Avrei preferito averlo aggiunto giusto per scrupolo,come ho fatto con ‘’la mia famiglia’’ anche se apparte i miei genitori che famiglia ho?

Bene,dai,fammi spulciare un pò questa lista che ho voglia di sfogarmi di brutto.
Proprio sfogarmi fino al midollo dei miei reconditi (ma reconditi de che? Che stanno qua a fior di pelle!! ) oscuri pensieri complottisti nei confronti di chiunque.
Poi dovrei stare meglio si dice,e si spera.


Capitolo: ‘’La tirocinante della psicologa e la Psicologa stessa’’.
Le metto assieme tanto le odio tutte e due ormai.
Anche se una delle due la odio più consapevolmente conoscendo ormai bene quante supercazzate mi ha sparato nel giro di meno di due anni,l’altra la odio solo per rivalità da femmine alfa.
Ebbene,la dottoressa ha cambiato tirocinante.
Era da un bel pezzo che ne era rimasta sprovvista.
Da meno di un mesetto le nostre meravigliose università (se vengo a scoprire da dove viene brucio l’università in persona) italiane le hanno fornito una nuova perla rara da gestire,accudire e far crescere nelle sue mani.
Chissà perchè le affidano sempre a lei. Ma. Bah.
Comunque dove sta il problema?
Che sta ragazza,sta tizia,st’essere umano,dalla prima vista l’ho odiata a morte.
Lo conoscete il tenero e infinito amore a prima vista?
Uguale uguale è l’odio.
Magrissima come un grissino smussato,alta,con delle gambe a dir poco perfette,vestita dalla testa ai piedi da abiti firmati da brand che stiamo ai livelli di Paris Hilton e quelle altre tipe del genere che io non conosco in quanto disprezzo a priori tutte nel mucchio.
Sembrava,e sembra ogni santa volta,essere uscita da un autolavaggio di lusso.
Se fosse un auto la paragonerei alla Ferrari.
Lucente,profumata e con tappezzeria al top.
Pure il portamento da reginetta di concorsi di bellezza c’ha.
Rendiamoci conto di come il mio odio cresce e crescerà sempre più?!
Insomma,vidi camminare per i corridoi sta creatura di un altro mondo e pensai malignamente Finalmente vedo qualche riccone venire dagli strizzacervelli pubblici,tie,tie,tièèè!!
Ma il mio sesto senso già que giorno mi disse che la sua camminata avanti e indietro impunita da coloro che lavorano al centro significava guai in vista per me.
Da quella prima volta l’ho rivista altre volte,poi quando l’ho vista accanto alla tappa (si,ho scoperto che la mia Psi è una tappa accanto a questa riccona) della mia dottoressa ho capito che avevo ragione.
E poi,quando settimana scorsa me l’ha ufficialmente presentata,avrei voluto buttarmi da qualche balcone che però non c’era.
La mia dottoressa nonostante abbia tanti difetti,si veste contegnosamente e non fa sentire i suoi pazienti dei poveri straccioni di merda.
E me l’ha presentata di fretta,una mattina che era scesa al centro diurno per farmi firmare delle carte (se magari era la dimissione per la felicità avrei anche baciato e abbracciato entrambe,rendiamoci conto di quanto è grave la prossima lamentela), «Lei è la dott….» e la ragazza dall’alto del suo profumo firmato mi ha teso la mano.
Non sapevo se stringergliela o rubarle il bracciale di perle che le avevo visto,allora ho solamente posato la mia mano sulla sua per non sciupargliela e mi sono vigorosamente presentata «Piacere,io sono Valentina» ovvero «Piacere,io sarò il tuo incubo la notte per i prossimi due anni».
Al centro i maschi sono rimasti tutti abbastanza impressionati spingendosi a commenti che per via degli psicofarmaci non credevo potessero più essere capaci di pronunciare.
E allora è salito l’odio.
Nessuno può togliermi luce da dosso nel mio ambiente; il centro diurno è di Valentina.
Io sono l’unica a fare i capelli,a vestirsi un pò più che con la tuta,quindi sono quella più notata di solito al centro diurno,nonostante tutti i miei difetti fisici e non.
E mo deve venire sta grande….a rovinarmi la piazza?
Non sono mai stata egocentrica (bugia) ma da quando sono amica di quei due egocentristi di Stefania e Pietro ho trovato anche io il mio spazio egocentrico nel centro.
Sono la ‘’strana’’, la ‘’darkettona’’,la ‘’piccola problematica’’,ho il mio ruolo nel dramma.
E lei ha il suo immagino,il ruolo della rovinafamiglie.
Ma che dici,Vale? Ma di che famiglia stai a parlà?!
Ogni volta che la vedo faccio lo stesso sguardo del padre di Timmy Turner davanti ai Dincleberg, e allerto tutti dell’odio crescente in me.
L’altro giorno l’ho fatta notare a mia madre,che non se l’è sentita di condividere il mio odio verso questa donna oltre al «Quanto è magra».
Questo mio odio e disprezzo ha la sua ragione.
Si fonda tutto nel mio indescrivibile odio profondo e indiscriminato verso ogni sorta di ricchi e ricchezza.
Io,donna povera (e lo scrivo consapevolmente),cresciuta e formata sull’odio verso chi ha tutto ciò che chiede con lo schiocco di dita,provo una sofferenza di cuore nel vedere questa disparità tra generi.
Generi di società.
Io sono della società bassa. Non vivo in un cartone ma non posso permettermi tutte le comodità della mia epoca,sono sempre in bilico per la scelta o di una o dell’altra.
Lei è almeno tre gradini più in alto di me,poi non la conosco approfonditamente quindi non so altro.
Ma il profumo e i loghi sugli outfit parlano da soli.
E non sono cose taroccate quelle che indossa,la prima cosa che conosce una povera come me sono le cose taroccate e quelle vere.

Trovo assolutamente sgradevole l’ostentazione della sua ricchezza nei nostri confronti.
Gli altri in sala d’attesa pensano ai cazzi loro e non la cagano,io che ho occhio malefico invece l’ho vista.
Come se ne va camminando con la borsa CC sotto il braccietto,lentamente per mostrarci con calma il suo vestito o completo e i suoi tacchi che emanano luce propria.
Ma proprio davanti ai miei occhi doveva capitare una riccona di sto genere?
Assurdo,non so per quanto la sopporterò prima di diventare altrettanto sgradevole.
La mia dottoressa già l’ha messa alla prova facendole attaccare dei volantini,quando ho assistito alla scena mi sono fatta una risata.
Come cercava di piegarsi stretta nel tubino rosa e con i tacchi a spillo,non ho sperato cadesse,mi faceva abbastanza pena cosi.
Io con la psicologa feci un discorso riguardante il vestiario tempo fa,e lei mi confessò che si veste come si veste solo per essere ‘’decente’’ nel luogo di lavoro che impone una certa modestà,mentre lei adora cose di pelle e borchie come me in realtà.
Vorrei che facesse (sempre che non l’abbia già fatto) lo stesso discorso alla principessina,giusto per aprirle un attimo gli occhi su ciò che le sta attorno e su come lei sia inadeguata e a tratti ridicola nel nostro ambiente.
Per dirvi,ha molta più puzza sotto al naso della direttrice del dipartimento.
Quella è una donna splendida,che si veste come da ruolo,ma addirittura meno elegante di questa pischella arrivata da chissà dove.

La mia psicologa invece ha sbagliato con me dando tutta la colpa del mio ultimo disfacimento a Damiano.
Dice che il fatto che lui mi ha rifiutata,che Pietro me l’ha detto (e mi ha fatto anche mettere in dubbio le parole di Pietro) mi hanno ovviamente ridotta una pezza.
Con la sua solita imponenza poi mi ha intimato di non fare più flebo e ridurmi in stato catodico (si,come il tubo delle vecchie televisioni),di non farmi vedere più con la coda alla samurai (come è overa di spirito questa donna,non si è nemmeno resa conto che ho tagliato i capelli e li ho fatti rossi,se poi si sporcano subito e devo legarli ogni tanto scusami eh) e di togliermi la felpa.
Intanto fa freddo,ho sostituito la felpa con il giubbotto di pelle,e ho fatto i boccoli in testa giusto per fare ancora quella con i capelli da pazza ma non passabili di esame raggi x da parte sua.
Ovviamente mi ha negato i diritto di replica e m’ha mandata via.
Ed ovviamente,come la cretina che sono,ho fatto tutto quello che ha detto lei,perchè ho profondamente timore di quella donna.
Nonostante sia un pò troppo donna per i miei gusti,la ammiro in quanto cazzuta e unica che non si fa impietosire dal mio stato di putrefazione perenne.
Si,avrei voluto una psicologa diversa da lei,ma infondo credo sia quella che mi merito e che ha gli unici risultati possibili contro il mio carattere.
Ma la principessina profumata non voglio assolutamente vederla in un mio colloquio,non mi fotte che deve imparare; esce.
I cazzi miei i ricchi non devono saperli,altrimenti poi inizio a farmi i film nei quali lei a casa a cena racconta le tragedie dei pazienti e tutta la sua famgilai ricca ha un moto di pena nei miei confronti mentre mangia il tartufo.
Fuck.

Riguardo al centro diurno non mi va di farne un capitolo a sè.
Il solo evocare ‘’Centro Diurno’’ apre un mondo fatto di buchi neri,voragini e caramelle truffaldine.
Meglio non esplorarlo oltre.
Da mettere solamente agli atti che sono sempre più confusa riguardo quel posto e le persone che ne fanno parte,compresa me stessa.

I miei genitori? Il loro errore è sempre lo stesso: avermi messa al mondo.

Mia sorella ha sbagliato perchè esiste,vive e ride.
E se fosse per me non dovrebbe ridere,vivere ed esistere,perchè odio tutto quello che attorno a me a successo mentre io affondo come una grande cogliona che non sa nuotare.
E perchè non impari a nuotare demente? Eh,eh???!!

Lo psichiatra mi dispiace ammetterlo ma l’ultima volta che l’ho visto non mi ha trattata granchè bene.
Forse era incazzato per altre nature o questioni,ma non m’è piaciuto che se l’è presa con me e mia madre soprattutto.
Certo,mia madre provoca sempre,cercando di fare un lavoro che non è il suo (ha detto al dottore se mi prescriveva degli antidepressivi),però il dottore poteva farsela passare addosso come fa sempre,no?
Di solito non difendo mia madre,soprattutto quando c’è l’ho con lei perchè mi ha messa al mondo,ma in questa storia me la prendo con entrambi.
Poi che è sta cosa? Mi riceve chiedendomi una flebo.
Embè,che è? Sto male e mi sedi? No. Non mi aspettavo questo comportamento al limite del disumano da parte del dottore.
Non da lui,dai miei che sono stanchi di sopportarmi me lo aspetto sempre,ma da lui…?
Spero non faccia mai più cosi,che mi proponga un salutare ricovero la prossima volta,al massimo,ma non voglio più sentirmi dire quelle parole che per me significano «Sei una pazza. Ti sediamo per un pò cosi mamma e papà riposano un attimo e tua sorella studia. Poi tornerai pazza,faremo un altra flebo allora».

E adesso basta.
Mi sono sfogata anche troppo.
I tasti del pc neonato gridano pietà.
Ma non esiste la pietà.
La odio quando arriva alle mie orecchie ‘’Povera Valentina’’.
Figuriamoci se la chiedono a me.
Io non ho pietà di nessuno.

Per questo mi lamento sempre,perchè non ho empatia.
Per me le persone e le cose sono solo come le vedo io.
Quella è una riccona schifosa di merda.
Il dottore è un frustrato che ha bisogno di farsi vedere.
Il centro diurno è un luogo di perdizione.

13 risposte a "Propaganda Lamentista"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...