Sublimazione

Il dottore ci disse:

«La sublimazione è la trasformazione dell’agitazione del cuore in qualcosa di bello».

Presi un foglietto e annotai questa definizione strabiliante.

Non avevo ben chiaro cosa fosse la sublimazione,me la ricordavo vagamente come qualcosa studiata in chimica alle medie.
Invece grazie al dottore scoprii che era anche qualcos’altro.
Quello che faccio io.

Quello che mi permettono di fare le tante persone attorno a me che mi agitano il cuore.
Quello che mi permette di fare la mia completa ossessione per le emozioni.
Quello che il passato ha estratto da me.
Sublimazione.


sublimazione s. f. [dal lat. tardo e mediev. sublimatio -onis].
L’azione, il fatto di sublimare, di rendere o di essere reso sublime: s. di un affetto, di un sentimento; ne’ pubblici infortuni … si vede sempre un aumento, una s. di virtù (Manzoni); tendere alla s. spirituale per mezzo dell’ascetismo e della contemplazione.

(Definizione della parola presa da Treccani)


Eravamo al laboratorio letterario,qualche mese fa,e il dottore aggiunse giustamente che sublimazione significa trasformare in qualcosa di artistico ciò che abbiamo dentro.
Il mio tumulto.

Meravigliose-beige.jpg

Per anni non ho saputo come estrarlo dal cuore stanco di battere cosi velocemente.
Poi ho scoperto che sapevo scrivere,che scrivere mi faceva sublimare.
Mettere un coperchio a certe cose,superarle e andare avanti nella strada nebbiosa della mia vita.
Ho scoperto di essere una sublimatrice. Una sublimante.
Non so come si dica e non voglio nemmeno saperlo.
So solo cosa faccio nella mia vita io.
Sublimo.

Prendo il fango che mi avete dato e ne estraggo l’oro.
Proprio come faceva il mio adoratissimo amico Charles.

Io credo di provarci a sublimare.
Ma ci riesco?
Come si fa a capire se ci si sta riuscendo nel giusto modo?
Come posso sapere se scrivendo sto sublimando il mio cuore agitato?
Chi può dirmi se non riuscirei a sublimarlo in modo più completo facendo altro? Disegnando,facendo la youtuber,cantando?
Oh natura che mi hai creato…non darmi il compito di fare video,perchè non fa proprio per me.
Ma no,credo la natura sia dalla mia parte,e sia d’accordo con le parole che scrivo,che mi fanno sentire più leggera e allo stesso tempo più completa.
Io di agitazione nel cuore ne ho posseduta e ne possiedo a quintali.
E voi?
Si agitava il mio cuore,si spezzava e continuava a malapena,quando mi definivano «Inutile».
Si agitava il mio cuore,si contorceva e piangeva,quando gli dicevano «Non ti amo».
Si agita il mio cuore,trema e teme,quando lui dice «Devo dirti una cosa amore».
Che la fine sia vicina?
Che altro tumulto cadrà nel mio cuore in modo che io possa sublimare in futuro purtroppo sono sicura.
Ma gradirei molto non riguardasse lui.
Che lui resti al mio fianco,a guardarmi sublimare e rendere oro la merda che mi hanno buttato addosso.
Che non diventi anche lui un ricordo da sublimare.

Voglio sublimare con lui.
Non voglio sublimare l’agitazione della sua perdita.

Intanto,per scrivere il racconto che stiamo creando al laboratorio letterario,stiamo sublimando un pò tutti.
Mettiamo pezzi di noi,ci automedichiamo.

3 risposte a "Sublimazione"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...