Pubblicato in: Body Positive

My Body is a Cage

L’estate. Ah,l’estate…

Questa è la stagione,queste sono le temperature,questo è l’ambiente,in cui i nostri corpi sono più esposti che mai.

Ogni estate da qualche anno a questa parte torna preponderante il discorso Body Positive.

Invece di parlarne tutto l’anno c’è chi si prende la briga di postare una foto in costume usando l’hastag solo per moda e/o aggregazione.

C’è chi pubblica foto ritoccate facendo presenti i suoi difetti che poi non ci sono.

C’è chi pubblica foto di gambe non depilate.

C’è chi pubblica foto di coscie e sederi con la cellulite,grassi e flaccidi.

C’è chi si indigna. E chi difende.

C’è chi grida allo schifo,all’indecenza e alla generazioni di giovani che va a rotoli.

C’è chi difende perchè è la cosa giusta da fare.

Chi difende perchè ne fa parte,e chi difende prima di essere attaccato.

E poi c’è chi non parla.

Chi non difende ne prende le parti.

Chi vorrebbe prenderle ma non ha il coraggio.

Infine,c’è chi vive tutto ciò ogni giorno.

Persone come me,e non mi piace mettermi in mezzo per il semplice fatto che è più facile che una causa sociale ti stia a cuore se fai parte di quel movimento.

Ma non è per questo motivo che mi sta a cuore la questione.

Ci sono persone come me per le quali il proprio corpo è una gabbia.

Una,semplice e neanche troppo arrugginita,gabbia.

Immaginate un canarino in gabbia.

Io sono il canarino. Sono gialla,zompettante e rompipalle. Sono canterina,dormigliona,timida…sono tante cose.

Ma nulla di tutto ciò traspare sulla mia pelle.

Sul mio corpo,che è una gabbia. Ferro,che inizia anche ad arrugginirsi per quanta acqua c’è caduta su.

Ferro,che mi costringe a non volare fuori dalle sbarre.

Stupido materiale umano che a me non sta bene,che non fa parte della mia natura.

Io sono dentro la gabbia,e mi sono scocciata di essere rinchiusa dietro queste sbarre dalla società.

La società. Quell’organismo sociale che ti vuole come ti vuole e per il quale non puoi essere Tu.

Tu. Senza ferro. Senza gabbia. Solo un anima in cerca di se stessa.


Vi lascio questa canzone (versione che preferisco io anche per il video…che potrebbe essere un piccolo spoiler per il prossimo articolo) e di seguito il testo…leggete! 

My Body is a Cage, Arcade Fire

My body is a cage

Il mio corpo è una gabbia

That keeps me from dancing with the one I love

Che mi impedisce di ballare con colei/colui che amo

But my mind holds the key

Ma la mia mente tiene in pugno la chiave

Sto su un palcoscenico

Di paura e incertezze

è una recita vuota

Ma applaudiranno lo stesso

You’re standing next to me

Tu stai accanto a me

My mind holds the key

La mia mente tiene in pugno la chiave

Vivo in un’età

Che chiama luce l’oscurità

Anche se la mia lingua è morta

Le forme riempiono ancora la mia testa

Vivo in un’età

Di cui non conosco il nome

Anche se la paura mi tiene in movimento

Il mio cuore batte ancora così lento

My body is a…

Il mio corpo è…

My body is a cage

Il mio corpo è una gabbia

Prendiamo quel che ci è dato

E se hai dimenticato

Non vuol dire che tu abbia perdonato

Vivo in un’età che

Urla il mio nome la notte

Ma quando arrivo alla soglia

Non c’è nessuno

Vivo in un’età

Loro ridono mentre io ballo con colui/colei che amo

Ma la mia mente tiene in pugno la chiave

Tu stai accanto a me

Set my spirit free

Libera il mio spirito

Set my spirit free

Libera il mio spirito

Autore:

Blogger e studentessa. Iper appassionata di millemila cose. Donna dall'umore super instabile.

19 pensieri riguardo “My Body is a Cage

      1. Tu R a che punto sei di questo percorso?
        Ho deciso che è utile condividerlo pubblicamente,cosi che tutti possano capire che si può fare.
        Anche se solo una persona sarà motivata dalle parole che scrivo,allora sarò soddisfatta di me!

    1. Io sto imparando piano piano nel corso degli anni ha godermi me stessa,ma l’articolo era destinato soprattutto a chi ancora è fortemente ingabbiato in questi meccanismi della società ed era una riflessione sulla realtà dei fatti.

      La società non ti ha mai fatto sentire sbagliato durante la tua vita?

      1. No, perchè in generale ho sempre agito pensando più agli altri che a me stesso, e ora me ne pento tantissimo

      2. è bellissimo aver scoperto di aver sbagliato,è l’unico modo per migliorare.
        Adesso penserai a te stesso,ed hai una vita intera per riscattarti dagli errori passati.
        Buona fortuna! ✨

  1. Capisco perfettamente. Bellissima canzone, bellissimo articolo.
    Oggi in particolare sento il peso del mio odio verso me stessa, non potevo leggere il tuo post in un momento più appropriato… Spesso per me è più la mia mente, la vera gabbia.
    Bisogna ricordarsi di cantare ed essere ancora più gialli contro le gabbie grige: canarini iridescenti.

    1. Mi piace immensamente il termine “canarini iridescenti”!
      Potrebbe essere il nome giusto per i lettori del blog 💣😂
      Torno ad essere seria,sono felice che tu ti sia sentita capita perchè era il mio obiettivo.
      La mente per me è un altro bel problema,più che una gabbia è un vero labirinto per me,mi ci perdo spesso.
      Grazie di aver condiviso con me i tuoi pensieri,canarina iridescente! 💕

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...