Pubblicato in: Amore e Amicizia, Vita

Notizie su di me.

Forse ho fatto un errore a contattare la mia maestra delle elementari.

Ma sto cercando una persona. La sto cercando da molti anni.

Forse questa potrebbe essere la svolta; la maestra.

Non ci avevo mai pensato, o forse ero troppo spaventata dalla situazione che ho preferito far finta che non esistesse tra le possibilità.

Mi ci ha fatto pensare una mia amica mentre le parlavo di questa persona che sto cercando.

Allora ho tentato.

Con mia grande sorpresa, dopo alcuni giorni questa donna mi ha risposto.

Ci avevo anche scommesso su con Mario. 

Io razionalmente gli avevo detto che una maestra che nella sua vita avrà visto centinaia di bambini non si sarebbe mai ricordata di me; Valentina, piccola, timida e brava.

Quelli che le maestre si ricordano sono coloro che le fanno tornare a casa incazzate e con l’esaurimento nervoso al posto della vocazione per insegnare.

Bugia, mi sa che mi sono sbagliata.

La maestra, nonostante l’età, si ricorda di me.

Piccola, Timida e Insignificante.

Almeno all’epoca.

Adesso non più. Non per me almeno.

Adesso sono tutto tranne che insignificante.

Sono la protagonista di questa storia.

Sono la bambola che preferisco pettinare e acconciare.

Ma alla maestra, che mi ha risposto chiedendomi notizie su di me…mica potevo dire questo.

Mi sono domandata per tutte le settimane di convalescenza da gastroenterite cosa dovevo scrivere a quella donna.

 

 

Cosa si risponde ad una domanda del genere?

Sono passati 14 anni dalla fine delle elementari.

Non molti se cerco di pensarci razionalmente.

Troppi se penso a quante cose sono accadute attraverso questi 14 tortuosi anni.

Mi sono pesati il doppio, due vite sulle spalle che calano sempre più per la stanchezza.

Gli anni di depressione, vuoti e allo stesso tempo troppo pieni di sofferenza.

Gli anni della ripresa cosi felici e allo stesso tempo frenetici.

Il mio carattere che usciva fuori dal cuore giorno dopo giorno, narcisismo compreso.

Ma alla maestra, che mi ha conosciuto come la timidona super brava a scuola, potevo mai spezzare il cuore e rivelare che la scuola l’ho abbandonata e che non sono più timida?

Se penso alla bambina che ha conosciuto inizio a ridere istericamente.

Non sono più quella io. Quello era il piccolo fragile guscio che conteneva una bomba pronta ad esplodere.

 

Una parte di me voleva essere semplicemente e puramente sincera con la maestra.

Ma alla fine ho optato per evitare gli psicodrammi e arrivare al dunque.

Nonostante mi abbia spiazzata col suo ricordarsi di me e mi abbia quasi convinta ad aprirmi del tutto…no, non l’ho fatto.

Dovevo pensare all’obiettivo.

 

Ed ora eccomi qui, che sono arrivata al dunque e attendo di sapere la verità.

Il vero motivo per cui l’ho contattata ed ho deciso di riaprire uno squarcio del mio iper passato.

Attendo di sapere se lei sa qualcosa di te.

Tu…a volte mi chiedo se mi leggi o mi leggerai mai. Se ti permetterò mai di leggere il mio blog se tornerai nella mia vita.

Credo che te lo permetterei. Infondo non ho più nulla da nascondere a nessuno, soprattutto ad una persona come te che sto cercando di reintrodurre nella mia vita con tutta la mia volontà.

Di certo non sei l’ultimo arrivato, non ti ho mai dimenticato neanche per un istante in questi 14 anni e se tornassi avresti il mio cuore e tutta la storia di questi anni a tua disposizione.

Io, invece, rimango curiosa di conoscere la tua di storia.

Che dio mi fulmini se non la riuscirò a conoscere prima di morire 💥

Pubblicità

Autore:

Blogger e studentessa. Iper appassionata di millemila cose. Donna dall'umore super instabile. 🧠Attivista per la salute mentale 💪Femminista intersezionale 🎨INTJ

5 pensieri riguardo “Notizie su di me.

  1. Si racconta ciò che scegliamo di raccontare, in base anche a chi abbiamo di fronte. Percio, se hai sentito di non volerlo hai fatto bene a non farlo, poi se ti sentirai di farlo in seguito lo farai.
    In bocca al lupo per la tua ricerca 🤞😉

    1. sono stata indecisa fino all’ultimo…ma per ora credo vada bene cosi.
      Infondo la salute mentale è uno stigma molto forte nella società, soprattutto in quella fascia di età…avrei rischiato di spaventarla e allontanarla semplicemente.
      Invece devo provare a lei e al mondo che noi non facciamo paura, anzi, facciamo anche cose buone nelle nostre vite. Poi sentirà quel che ho passato un giorno e magari si ricrederà sull’intero tema della salute mentale. Ok, forse sto esagerando, ma è la mia speranza 🍀

      1. Sei andata parecchio in là con la fantasia… Ma ti auguro comunque di riuscire a far ricredere tutte le persone che avrai voglia o bisogno di far ricredere 😉

    1. Anche nell’era dei social se uno non vuole essere trovato può non essere trovato.
      Se una persona vuole essere introversa e sola può esserlo.
      Oppure…un nickname ed ecco che non potrò mai trovarlo.

      La cara maestra dopo aver letto notizie su di me non mi ha risposto quando le ho chiesto di lui.
      E dire che avevo una buon presentimento…che peccato 💔

      Posso chiederti perchè questo post è un pugno nello stomaco?
      Nel frattempo ti ringrazio per il tifo, prima o poi forse lo ritroverò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...