Abbattuti.

31 Maggio 2018 ore 21.45

 

 

Ero li in mezzo.
Attorniata.
Accerchiata.

Lascia stare Valentina,questa inutile ricerca di aggettivi da mettere alla cazzo di cane non ti rende migliore ne trasgressiva.
Va avanti,mi sto stancando anche io.

Dicevo…appunto.
Ero accerchiata.
Ma non dai miei fantasmi.
Non c’erano bulli.
Erano insegnanti.
Eppure nella mia testa qualcosa girava per il verso sbagliato,erano nemici da combattere.

Mi hanno chiesto «Con cosa vuoi iniziare?».
Ed ho risposto sicura con la prima cosa e forse unica,che so un pò in vita mia.
«Italiano» e mi sono voltata verso la professoressa alta e magrissima.
Mi ha detto di parlare,argomento a piacere.
Ho parlato di Pascoli.
Mi ha fatto delle domande.
Cazzo,ci ha messo in mezzo anche D’Annunzio.
Grazie a Dio non l’ho chiamato Ungaretti,dato che mi confondo i nomi di sti due.
Dovrei ringraziare na persona che mi ha acceso la lampadina e fatto leggere D’Annunzio quest’anno,perchè sul libro non ci stava scritto un cazzo di D’Annunzio e se non l’avessi letto per conto mio non avrei saputo niente da dire a riguardo.
Perciò grazie,forse quel mezzo voto in più è merito anche tuo.

Continue reading “Abbattuti.”

Annunci

Non sono povera. Sono ricca.

M’ha detto: «Ma tu non sei povera,hai il cellulare».

Si,embè? Un oggetto determina la mia intera vita?
Apparte che io sono l’ultimo essere vivente sotto i vent’anni ad essersi arreso alla supremazia degli spartphone.
Apparte che l’ho raccattato solo per parlare con le persone a cui voglio bene.
All’epoca in cui ho raccattato il primo erano: Francesco e Laura.
Apparte questo…apparte tutto quanto.

Da cosa riconosci che una persona è povera?
Facile direte voi.
«Vive sotto i ponti». Primo luogo comune da sfatare.
Quelli che voglio suicidarsi vivono sotto i ponti.
I poveri vivono nelle macchine,nelle metropolitane,se sono fortunati dormono dentro a qualche posto offerto dalla Chiesa o da qualche ente del genere. Si,perché per me la Chiesa è un ente caritatevole.

Continue reading “Non sono povera. Sono ricca.”

Franceschi

Mi sento in dovere di aggiornare la lista.
A far parte della mia vita è entrato un altro di questi mitici personaggi.
Anche se prima o poi potrò cacciarlo via con la mia antisocialità o potrà lui andare via,rimarrà per sempre nella storia dei miei Franceschi.

Continue reading “Franceschi”

Indiscrete domande musicali

Salve gente,
Una mia amica blogger e farmacista ha ideato questo blog ed ho deciso di partecipare dato che adoro anche io la musica.
Siete tutti invitati a partecipare se vi va,se lo fate scrivetemelo nei commenti cosi vado a leggere il vostro articolo 😉
Mi piace sapere cosa ne pensano gli altri della mia grande passione!
Continue reading “Indiscrete domande musicali”

#Music1: Welcome to the Family

Salve cari lettori,
Oggi inauguro una nuova -la prima(si certo,Valentina sei proprio na scema,sarà la trecentesima rubrica questa…)- rubrica nel blog!

Giusto per distrarci un po dai soliti temi pesanti che tratto,ogni sabato parleremo di un altro dei miei argomenti preferiti; la musica!
Per quanto mi piaccia preferisco ascoltarla che parlarne perciò vi proporrò l’ascolto di una canzone e vi proporrò anche il testo e l’eventuale traduzione.
Poi sarete voi a parlare,a commentare come meglio credete.

Inauguriamo questa rubrica con una canzone di benvenuto tutta metal!
Welcome to the family (Benvenuti nella famiglia) degli Avenged Sevenfold.

Buon ascolto! Stay rock!

Continue reading “#Music1: Welcome to the Family”

So Far Away…

Ci sono due modi per gli adolescenti per affrontare un trauma.
O,iniziano a drogarsi,a bere e a rubare,o trovano il loro mondo nella loro arte.
I più deboli cercano rifugio nella ‘’cattiva strada’’, i più forti si rifugiano nell’arte.
Ognuno di noi ha la propria arte,la propria salvezza,il proprio posto nel mondo.
Che sia il disegno,la recitazione,la fotografia,la scrittura,la moda,la musica,ognuno ha il suo posticino nel mondo.

Continue reading “So Far Away…”