No Remedy

L’odio dilaga.
Sono stanca di avere a che fare con persone frustrate che scontano i propri nervi su di noi.
Su di me.
Mi trovo sempre in mezzo.
Era meglio rimanere chiusa in casa,il mondo mi rigetta sempre.

Mi sono rotta i coglioni di voi.
Dei giudizi che date senza conoscere.
Delle vostre personalità inconsistenti.

Ho paura di me stessa.
Non rimango più zitta davanti a voi.
La mia lingua si scioglie da sola,stanca di starsene zitta davanti alle ingiustizie che la mente registra.
Ed io ho paura,perchè ho scoperto di saper essere anche aggressiva.
Aggressiva e incazzata come una bestia.
Non toccarmi le poche persone buone che mi stanno attorno,non farlo,stai tentando il suicidio cosi.
Non istigare la bestia malvagia che è in me,perchè ho trattenuto la rabbia per troppo tempo,adesso viene l’ora che finisci a bollire in pentola.

Nessuno deve più pensare che sono buona.
Non lo sono.
Sono cattiva.
Odio le persone.
Le odio e con loro odio i loro problemi e la loro stupida ignoranza.
Si,non ho il diploma,ma mi cola sudore freddo per quanto sono più acculturata di voi.
Poveri scemi.
Diplomati per grazia divina,per la pena che fate.

Io faccio pena?
Non credo.
Mi credono tutti capace,e quindi se devono attaccare qualcuno attaccano me.

Ma non ho sbagliato,hai sbagliato tu lurida bastarda.
Non dovevi,non avresti proprio dovuto usare quelle parole rivolta a me e al mio amico.
Ed hai anche umiliato quell’altro e sua madre,tanto che non sono venuti.
Vergognati di esistere,i tuoi problemi sfogateli a casa con quel morto di tuo figlio,ma non con me.
Non ci provare,non sono invalida come tuo figlio io,se mi fai incazzare te lo prendo al tuo carissimo bambino di vent’anni e te lo riduco ad un mucchio di lividi scuri.
Lo vuoi vedere?
Di un altra parola.
E la mia mano si alzerà,perchè mi sono rotta il cazzo di fare la brava bambina.
Non lo sono.
Ne brava,ne bambina.
Sono una ragazza alquanto irritabile e istintiva.
Sono come mio padre e mia sorella,ho l’incazzatura facile.
Non sono pazza.
Non sono handicappata.
Se tuo figlio lo è mi dispiace,ma non provare a includere anche me nei suoi problemi.

Io sono un altro mondo.

Io non centro niente con loro.
Io non sono quella che il sabato sera va in pizzeria con gli amici e le loro mamme.
Io non ho cinque anni.
Io sono quella che va a vedersi il film dei Queen con suo cognato.
Io sono quella che si sfoga ai concerti saltando e cantando fino alla nausea.
Non sono ancora una pazza,sono solo e sempre io.
Sono Valentina,non un handicappata.

Fuck.
You and EveryOne.

Annunci

Ignoranza o cattiveria?

Sto cercando di capire,sto cercando di mettere fine a questa storia.
Forse ho iniziato un processo alla mia famiglia,senza metterli in mezzo,li sto processando da sola.
Perchè la vittima di questa situazione sono io.
Sono io che dovevo essere aiutata dalla mia famiglia ma non lo sono stata,perciò adesso sono sempre io che devo giudicare se non hanno saputo aiutarmi per ignoranza o cattiveria.
Mi serve per fare pace con me stessa,perchè altrimenti sto ancora peggio con tutti questi dubbi.
Devo capire.
Se capirò che l’hanno fatto con cattiveria impazzirò.
Mi conviene in ogni caso convincermi che l’hanno fatto per ignoranza,cosi che potrò assolverli e perdonarli.
Mi conviene?

Continua a leggere “Ignoranza o cattiveria?”