Propaganda Lamentista

16 Novembre 2018

Sono giorni strani.
Stanno passando,ma si stanno ripresentando quando mi sveglio al mattino.
Sono proprio giorni strani.

Mi sento come se avessi un virus,sento nel sangue e nella mente circolare ‘’cose’’ non mie.
Pensieri,convinzioni,odio,disperazioni.
Del tutto diverse dal mio solito.
Sento che c’è qualcosa che mi ha sconvolta profondamente,cosi tanto che nemmeno mi sono accorta che era quell’evento di per se a farmi tanto male fino a distruggere alcune delle fondamenta che avevo fondato in questi ultimi anni (o mesi,o settimane o giorni,il tempo conta poco ormai).

Continua a leggere “Propaganda Lamentista”

La mia prima flebo

No,non è una nuova rubrica dove racconto le mie prime volte di varie esperienze.
Non c’è altra prima volta che posso raccontare oltre a questa.

È stato oggi.
Ma poteva esser stato anche il mese scorso,non cambia molto.
Ho fatto un altro passo verso la fine,tutto qua.
Dopo mi aspetta solo Psicologia Clinica.
Credo. Forse.
E un altro ricovero,giusto?
Quello non può mancare mai,è il top per i malati di mente.

Continua a leggere “La mia prima flebo”

Pensieri sparsi di un utente sociopatica

Al Centro il tempo passa veloce.

Ma chi cazzo voglio prendere in giro?
Me stessa. Cerco di farmelo piacere.
Ma non va.

Al Centro il tempo non passa mai.
Arrivi alle nove del mattino e pranzi dopo sette anni.
Non passa.
Mai.
Si dilunga e dilania per straziarti dentro con i tuoi strazi quotidiani.

Continua a leggere “Pensieri sparsi di un utente sociopatica”

I primi passi nel centro diurno

Da qualche tempo ormai,ho iniziato a frequentare il centro diurno.
Un bel posto,oh,pieno di gente malata come me,nel quale devo stare quattro giorni pieni a settimana,per fare non si sa ancora bene cosa che mi faccia stare meglio / guarire.

Neanche ho dato la notizia che ero stata promossa alla psicologa che lei mi ha premiata con questa bella cosa,insomma un premio da maturità,che mi lamento a fare?
Dovrei fare i salti di gioia,mi pagano da mangiare,le gite e tutto quanto.
Ma non faccio i salti di gioia. Mai,comunque.

Continua a leggere “I primi passi nel centro diurno”