Welcome back little Hamster!

Quelle tre figlie bastarde volevano scappare stamattina.
Come ogni mattina ormai.
Continua a leggere “Welcome back little Hamster!”

Non riesco a pensare

Non riesco a pensare.
Che faccio? Boh,mi viene da sbadigliare e nient’altro.
Ecco,primo di una lunga serie di sbadigli davanti allo schermo del pc.

Continua a leggere “Non riesco a pensare”

A punch in the mirror

Mi guardo allo specchio e mi vergogno di me stessa.
Là ci sono persone sconvolte dal terremoto,che hanno perso tutto; cari,casa e ricordi.
E poi ci sono io che mi reputo una persona traumatizzata per aver vissuto esperienze che in confronto non valgono una cippa.
Se andassi a parlare con un tizio di Amatrice di come ho perso il mio miglior amico,di come mio padre stava per morire,di come ci siamo allagati durante l’alluvione…beh,mi riderebbe in faccia.

Continua a leggere “A punch in the mirror”

I Can Tell

Qualche giorno fa il blog ha superato i 600 follower.
Io non sono il tipo che si perde in questi dettagli ma due parole a riguardo vorrei dirle in questo momento.

image

Sento di dovervi ringraziare,perchè credo di non averlo mai fatto.
E lo so che sono ingrata ed egocentrica,ma questo è un grazie di cuore ad ognuno di voi per una ragione differente.
È un pochino confortante sapere di non essere completamente sola con la mia mente al mondo.


Continua a leggere “I Can Tell”

A Little Piece of Heaven

Pomeriggio estivo temporalesco.
Questa mattina sudavo come un cammello per strada,mentre questo pomeriggio mi ritrovo a scrivere ascoltando in sottofondo i tuoni,il profumo della pioggia e le Olimpiadi.
Io adoro le Olimpiadi più di qualsiasi altro sport singolarmente,ho sempre adorato la magnificenza di questo evento fantastico.
Sono in attesa del mio sport preferito però,la ginnastica artistica e intanto ho pensato di scrivere e approfittare del clima favorevole.

Continua a leggere “A Little Piece of Heaven”