Come vi sfato gli stereotipi sulle malattie mentali

Esistono infiniti stereotipi nel nostro mondo.
Io lo so,gli ho studiati anche in psicologia.
E lo sapete voi tutti,perchè nella nostra vita tutti siamo stati investiti e infangati almeno da uno stupido stereotipo che ci hanno appiccicato addosso.

Una categoria che negli ultimi anni ho avuto il modo di conoscere personalmente e devo dire anche molto approfonditamente,sono gli stereotipi e luoghi comuni sulle malattie mentali e i pazienti.

Dagli ultimi mesi della mia vita ho appreso il rovescio della medaglia,sono entrata in un mondo dove non esistono stereotipi di questo genere,e devo dire che la cosa mi rilassa cosi tanto da rendermi me stessa al 99%.
Buono,no?

Ma non sono qui per questo.
Sono qui per mostrare prove e fatti concreti di come questi luoghi comuni su di me non siano affatto comuni.
Vi mostro come la mia persona li sfata giorno dopo giorno,e poi voglio vedere se qualcuno ha ancora qualcosa da dire a riguardo.

Continua a leggere “Come vi sfato gli stereotipi sulle malattie mentali”

Annunci

Non sono povera. Sono ricca.

M’ha detto: «Ma tu non sei povera,hai il cellulare».

Si,embè? Un oggetto determina la mia intera vita?
Apparte che io sono l’ultimo essere vivente sotto i vent’anni ad essersi arreso alla supremazia degli spartphone.
Apparte che l’ho raccattato solo per parlare con le persone a cui voglio bene.
All’epoca in cui ho raccattato il primo erano: Francesco e Laura.
Apparte questo…apparte tutto quanto.

Da cosa riconosci che una persona è povera?
Facile direte voi.
«Vive sotto i ponti». Primo luogo comune da sfatare.
Quelli che voglio suicidarsi vivono sotto i ponti.
I poveri vivono nelle macchine,nelle metropolitane,se sono fortunati dormono dentro a qualche posto offerto dalla Chiesa o da qualche ente del genere. Si,perché per me la Chiesa è un ente caritatevole.

Continua a leggere “Non sono povera. Sono ricca.”