Una lettera a Sylvia

Cara Sylvia,                                                                           Estate 1962

Ti scrivo perchè preoccupata per te.
Nella tua ultima riflessione mi hai scritto «…quanto siamo scemi ad amare davvero. Senza imbrogliare. Senza doppi giochi. È terribile voler andarsene e non voler andare da nessuna parte…» mi hai fatto scendere delle lacrime alquanto amare e rabbiose.
Avevo compreso già tutto da queste parole.
Non volevo crederci però,al fatto che,tu avessi potuto vedere il tuo sogno frantumato.

Continua a leggere “Una lettera a Sylvia”

La leggenda del Crotalo e della Murena

Il mio racconto.

Pubblico al pubblico.

Qualche mese fa come vi avevo detto ho partecipato ad un Premio Letterario.

Incoraggiati dallo psicologo del centro diurno io e alcuni mei compagni abbiamo scritto qualcosa per partecipare a questo Premio.

Per me è stato molto importante partecipare,perchè semplicemente decidendo di farlo,di impegnarmi a scrivere qualcosa che avrebbero letto e giudicato degli estranei,mi sono data una spinta oltre i miei soliti limiti.

Ho paura degli estranei,dei loro giudizi.

Continua a leggere La leggenda del Crotalo e della Murena

Ventimila leghe sotto i mari

Chi racconterebbe mai la sua storia ben consapevole che non ha un lieto fine?
Io no,non lo farei. Eppure lo faccio. Ma è diverso.
Chi vorrebbe mai dover scrivere alla fine delle sue vicende “Ma non ho ancora risolto i miei problemi,sono ancora un casino vivente” (?)
Io non vorrei,non lo farei mai.

Continua a leggere “Ventimila leghe sotto i mari”