Summary of 2018.

Stasera penso che mi danno fastidio alcune cose.
Penso che alcune cose mi stanno scomode.
Come gli occhiali.
Non li vorrei,vorrei semplicemente vederci bene.
E vorrei gli occhi color ghiaccio,come dicevo prima al metallaro.
Penso che mi sta scomodo il fatto di aver conosciuto i Verdena solo quest’anno.
Penso che avrei dovuto divorare la loro musica nella mia adolescenza e sognare i loro concerti.
Invece ci sono stati i Mars al loro posto.
Penso che andavano bene anche i Mars per quel momento,si,lo penso.
Penso che ancora ci tengo un casino ai Mars.
Penso e ripenso che è inutile farsi scadere una band per i comportamenti delle persone,la musica è quella che conta.

Continue reading “Summary of 2018.”

Annunci

Aspettative

Aspettative ne abbiamo?
Di aspettative ne abbiamo tutti.
Io inclusa,compresa ed incompresa.

Continue reading “Aspettative”

#BackToStudy

#BackToStudy

Ma chi voglio prendere in giro?
Non avrei potuto fare un #BackToSchool come quello che fanno tutti.
Io mica torno a scuola,ne in università.
Perciò a me tocca il #BackToStudyIl Ritorno allo Studio-.
L’anno scorso è stato il vero e proprio ritorno in grande stile.
Da anni di vuoto assoluto mi sono cimentata con il programma del secondo anno di liceo,tutta sola,e sono riuscita a completarlo abbastanza soddisfacentemente.
Adesso,dopo un estate terribile,che invece di farmi riacquistare energie e riposarmi mi ha stressata più di tutti gli anni della mia intera vita,torno a studiare.
E si spera che tornando a studiare mi tornerà anche la ragione e calma apparente che mi tiene in vita.
O che almeno mi ha tenuta in vita tutto l’inverno scorso (autunno e primavera comprese) tra un Pascoli,due Promessi Sposi e qualche altra robaccia del genere.

Continue reading “#BackToStudy”

#Cartopazza: Le mie agende

Benvenuti ad una nuova puntata della Rubrica #Cartopazza !

Ok,mi sto immedesimando sempre più nel ruolo di saltimbanco/conduttrice radiofonica fallita/televenditrice stile Mastrota.
Perdonatemi.

E che quando ci sono di mezzo cose cartopazzose,esce fuori la parte di me bambina e felice!
Non è stupendo?
Fino ad un certo punto si,dai 😉

In questa puntata della Rubrica andrò a mostrarvi,elencarvi e declamarvi il mondo delle mie mille agende e organizzazione personale.
Sono una maniaca dell’organizzazione e dell’ordine.
Una sola pagina disordinata in una sola piccola agenda mi fa venire un tic all’occhio abbastanza fastidioso.
Nella mia testa la mia vita è un casino.
Ma se la vedete scritta nelle mie agende vi sembrerà ben organizzata e perfetta.
È fantastico come dei libri possano cambiarti la vita,da vuoti tu li riempi di te e poi ti ci affezioni.

 

Continue reading “#Cartopazza: Le mie agende”

Da Bari con confusione

Dipartimento di Lettere e Filosofia = caous = my head
Scienze della Comunicazione = vuoto = my ideal future

 

da Bari con confusione.JPG
L’imponente università di Bari,che in confronto a quella di Taranto è la Bocconi.

 

Questo è il riassunto in formule matematiche del tutto illogiche e disfunzionali del giro che ho fatto nelle università di Bari con mia sorella in occasione della giornata in cui siamo andate a ritirare la sua pergamena di Laurea.

Continue reading “Da Bari con confusione”

Abbattuti.

31 Maggio 2018 ore 21.45

 

 

Ero li in mezzo.
Attorniata.
Accerchiata.

Lascia stare Valentina,questa inutile ricerca di aggettivi da mettere alla cazzo di cane non ti rende migliore ne trasgressiva.
Va avanti,mi sto stancando anche io.

Dicevo…appunto.
Ero accerchiata.
Ma non dai miei fantasmi.
Non c’erano bulli.
Erano insegnanti.
Eppure nella mia testa qualcosa girava per il verso sbagliato,erano nemici da combattere.

Mi hanno chiesto «Con cosa vuoi iniziare?».
Ed ho risposto sicura con la prima cosa e forse unica,che so un pò in vita mia.
«Italiano» e mi sono voltata verso la professoressa alta e magrissima.
Mi ha detto di parlare,argomento a piacere.
Ho parlato di Pascoli.
Mi ha fatto delle domande.
Cazzo,ci ha messo in mezzo anche D’Annunzio.
Grazie a Dio non l’ho chiamato Ungaretti,dato che mi confondo i nomi di sti due.
Dovrei ringraziare na persona che mi ha acceso la lampadina e fatto leggere D’Annunzio quest’anno,perchè sul libro non ci stava scritto un cazzo di D’Annunzio e se non l’avessi letto per conto mio non avrei saputo niente da dire a riguardo.
Perciò grazie,forse quel mezzo voto in più è merito anche tuo.

Continue reading “Abbattuti.”